L’attacco al congresso è l’ultimo fiasco del populismo di Trump

New York (foto di Enzo Bontempo per nuovosoldo.it)

di Pierre Haski, France Inter, Francia (tratto da Internazionale.it)

7 gennaio 2021 – Da quando si è lanciato in politica, Donald Trump ha avuto un vantaggio sui suoi avversari: nessuno lo prende sul serio. Ma la verità è che Trump è ciò che dice e fa ciò che dice, e nessuno può essere sorpreso da quanto è accaduto in Campidoglio. Si è trattato dell’insurrezione più annunciata della storia, anche se alla fine si è risolta con un fiasco patetico che non impedirà a Joe Biden di diventare il nuovo presidente il prossimo 20 gennaio.

Il senso di tutto è contenuto nell’ultimo video prodotto da Trump alla Casa Bianca, mentre i suoi sostenitori invadevano il Campidoglio. Trump li invita ha tornare a casa, ma al contempo gli dice che li “ama” e ribadisce di essere stato privato illecitamente di una vittoria elettorale “travolgente”. È la definizione perfetta del pompiere piromane: da un lato tranquillizza, dall’altro aizza.

Donald Trump è responsabile non solo degli eventi del 6 gennaio, giorno in cui Joe Biden doveva essere confermato presidente dal congresso, ma anche di tutti i danni inflitti alla democrazia statunitense e di quelli, sicuramente carichi di conseguenze, arrecati al Partito repubblicano, uno dei due grandi partiti di governo.

Repubblicani paralizzati dalla paura
Trump aveva il diritto di contestare il voto presso i tribunali e di chiedere un riconteggio in alcuni stati. Ma resta il fatto che anche prima del 3 novembre il presidente non aveva voluto impegnarsi a garantire un trasferimento dei poteri senza scossoni in caso di sconfitta, e successivamente ha scelto di contestare il risultato al di là di ogni ragionevolezza.

Senza portare alcuna prova, Trump ha instillato l’idea di una democrazia tradita nell’animo di una parte dei suoi 74 milioni di elettori (soprattutto in quelli che appartengono alla frangia più estremista che abbiamo visto all’opera il 6 gennaio) alimentando nel frattempo le più inverosimili teorie complottiste.

Continua al link internazionale.it

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento