Coronavirus: primo decesso in Svizzera dopo vaccino. Lo “Sportello dei Diritti”: nessun allarme, non è provata nessuna correlazione

Le autorità elvetiche hanno segnalato un decesso dopo una vaccinazione in Europa. Il caso è ora attentamente esaminato dagli esperti

Vaccino anti-Covid19

“Siamo a conoscenza del caso”, ha detto mercoledì un portavoce del dipartimento della salute del cantone di Lucerna ai media su esplicita richiesta. Perché in Svizzera si è iniziato a parlare di un primo decesso dopo la somministrazione del vaccino.

Lo hanno riferito le autorità all’Agenzia svizzera per gli agenti terapeutici, Swissmedic, che è responsabile dell’approvazione dei vaccini. La portavoce non ha fornito ulteriori dettagli e, in particolare, nessuna informazione sul fatto che la morte fosse correlata alla vaccinazione. Finora nel Paese sono state approvate solo le vaccinazioni Pfizer e BioNTech.

In occasione dell’approvazione, il 19 dicembre Swissmedic ha scritto che gli effetti collaterali più comuni documentati negli studi di approvazione erano paragonabili a quelli dopo una vaccinazione antinfluenzale. Swissmedic avrebbe monitorato attentamente la sicurezza del vaccino e avrebbe agito in caso di segnali di sicurezza, è stato detto all’epoca.

I media locali riferiscono che il defunto risiedeva in una casa di cura nel cantone di Lucerna.

Proprio perché non si ha nessuna certezza circa l’eventuale correlazione con la somministrazione del vaccino, non bisogna lanciare nessun allarme, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ed attendere gli esiti delle indagini scientifiche.

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento