IL DICEMBRE MUSICALE DEL CORO LIRICO SICILIANO

Coro Lirico Siciliano

Lirica, romanze, operetta, classiche melodie natalizie e le tradizionali musiche della Sicilia per una vulcanica edizione del Dicembre Musicale promosso dal Coro Lirico Siciliano.

Tempi duri quelli che stiamo vivendo, in cui anche le normali attività di ogni giorno diventano una conquista da assaporare col gusto delle cose rare e in cui ringraziare ogni momento anche per le cose che fino a poco tempo fa ritenevamo assolutamente scontate.

Momenti difficili per molti, ma non per tutti; non per chi decide di rimboccarsi le maniche e lottare, per chi non vuole arrendersi alla incipiente disillusione e alla galoppante paura, all’incertezza che, attraverso le mascherine, risalta ancor di più negli occhi impauriti e incerti dei vicini.

A seguito delle attuali disposizioni normative, il Coro Lirico Siciliano- già Oscar della Lirica 2017 – ha deciso di continuare la propria attività artistica con la realizzazione di una serie di imperdibili appuntamenti concertistici trasmessi da prestigiosi teatri e luoghi cultuali dal forte impatto emozionale e culturale, connubio tra bellezza architettonica e incanto musicale, per una riscoperta e valorizzazione di beni monumentali ricchi di storia e tradizione che confermano la Sicilia quale “Terra degli Dei”.

Convinto che la cultura e la bellezza siano arma potente contro ogni negatività e bruttura, il Coro Lirico Siciliano, realizzando una vera e propria opera di decentramento culturale, farà arrivare la grande musica lirica, sinfonica e le romanze da salotto in gran parte del territorio regionale e nazionale grazie all’opera di diverse emittenti televisive e alla diffusione digitale attraverso i principali canali social.

Il risultato straordinario che sicuramente segnerà questa edizione del DICEMBRE MUSICALE conferma che, anche in un momento di difficoltà, la grande musica ha un forte legame col suo pubblico, che la desidera, ne apprezza il valore, le riconosce un posto di assoluto prestigio e di prima necessità, chiedendone il ritorno con ogni mezzo possibile.

Cinque gli eventi che caratterizzano l’edizione 2020 della kermesse promossa dal Coro Lirico Siciliano in sinergia con l’Associazione Ut in Fidibus in Cordibus e la Camerata Polifonica Siciliana, patrocinati dalla Regione Siciliana, Assessorati al Turismo, Sport e Spettacolo e ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, con i due Assessori Manlio Messina e Alberto Samonà che hanno dimostrato cultura, lungimiranza, capacità di attrarre e distribuire le risorse, al triplice fine positivo della valorizzazione delle eccellenze artistiche regionali, dei magnifici siti monumentali della trinacria e degli immortali capolavori che i grandi compositori del passato ci hanno lasciato come inestimabile eredità immateriale.

In un raro esempio di perfetta implementazione tra istituzioni regionali e periferiche, nonché tra Enti pubblici e privati, si è trovata anche una ottima sintonia con diverse amministrazioni comunali che hanno deciso di sposare l’ambizioso progetto dell’Ente corale siciliano, dimostrandosi disponibili a patrocinare a loro volta gli eventi e a rendere fruibili i propri gioielli architettonici per la trasmissione dei recital lirici.

Dal Teatro Comunale “Garibaldi” di Avola, grazie all’encomiabile disponibilità dell’amministrazione Cannata che ha dimostrato rara sensibilità e amore per la propria comunità, il Coro Lirico Siciliano proporrà una vera e propria MARATONA LIRICA, un omaggio in musica ai compositori che hanno sempre decantato l’amore e la bellezza.

Gli artisti del Coro Lirico Siciliano – diretto da Francesco Costa e presieduto da Alberto Munafò Siragusa- ripercorreranno e interpreteranno le più straordinarie e popolari pagine del repertorio italiano ed europeo: suites da Cavalleria Rusticana, Macbeth, Nabucco, La Traviata, etc.

Dall’interno del tempio culturale avolese sarà poi trasmesso un secondo appuntamento interamente dedicato alla “Canzone italiana”: le immortali melodie che hanno suggellato la tradizione artistica e culturale del “Bel Paese”. Un viaggio in musica tra le più celebri pagine del ricco e amato repertorio nel Novecento italiano musicale: da Tosti a De Curtis, da Leoncavallo a Bixio.

Non poteva mancare, all’interno della kermesse concertistica del Coro Lirico Siciliano, il ricco e accattivante programma delle più frizzanti pagine del repertorio operettistico: estratti da Il paese dei campanelli, Cin ci là, La principessa della Czarda, Il paese del sorriso, etc.
L’ottocentesco Teatro Garibaldi di Piazza Armerina, sarà palcoscenico ideale del gran gala dedicato all’operetta, arricchendosi di colori e suoni che riportano lo spettatore in un’atmosfera d’altri tempi e lo coinvolgono in un divertimento spensierato.
Ulteriore fautore attivo di uno spettacolo senza tempo il vivace e vitale Assessore comunale Ettore Messina, che ha accompagnato gli artisti in ogni fase della realizzazione.

Il Dicembre Musicale del Coro Lirico Siciliano prevede altri due ulteriori appuntamenti: dal pregevole Oratorio tardo barocco S. Giuseppe in Centuripe- capolavoro di rara bellezza e sontuosità – il quartetto vocale dell’ente lirico con l’accompagnamento del quartetto d’archi tutto al femminile “Dammen Quartet”, condurrà lo spettatore nelle “Classiche armonie”: un viaggio nella melodia natalizia e nella tradizione musicale barocca e classica.
Anche in questo caso, preziosissima la collaborazione dell’impetuosa energia dell’Amministrazione Comunale La Spina, che ha seguito tutti gli stadi fino a portare a compimento il grande progetto.

A conclusione del dicembre musicale, di particolare pregio e significato per il settore etnomusicologico, il recital realizzato presso il Museo “Pitrè” di Palermo, tornato in attività dopo cinque anni.
La riapertura del Museo Etnografico Siciliano, celebrativa anche dell’anniversario dalla nascita di Giuseppe Pitrè, sarà incorniciata dal recital lirico di musiche tradizionali siciliane “Eco della Sicilia, Frontini e Pitrè nell’In-canto siciliano”: doveroso omaggio a due illustri maestri che hanno dedicato grande attenzione al cuore popolare della Sicilia, attraverso un lavoro di ricerca, studio e diffusione dei più pregevoli, armoniosi e mirabili canti della tradizione regionale che rischiano, ingiustamente, di scomparire.

Oltre al gala lirico, che ha visto protagonista il titolato complesso corale, le altre serate hanno visto interpreti alcuni artisti del coro(Antonella Arena, Lella Arrigo, Susanna La Fiura, Chiara Salerno, Riccardo Bosco, Fabio Distefano, Alberto Munafò Siragusa) accompagnati al pianoforte da Giulia Russo e Francesco Drago.

Dopo i successi estivi, che hanno visto la partecipazione di grandi artisti, titoli e complessi nei più rappresentativi siti archeologici della Sicilia con successo di pubblico e critica; dopo un festival che si è diramato da luglio fino ai primi di ottobre e che ha visto rappresentati quasi tutti i generi musicali, con contaminazioni tra pop e lirica, si conclude con brio ed effervescenza l’anno in compagnia di un Ente che si pone e propone – ormai – come punto di riferimento nel panorama della musica colta e non solo.

Per informazioni relative alla messa in onda degli eventi concertistici consultare la pagina facebook del Coro Lirico Siciliano.

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento