RICORDANDO LIDIA MENAPACE. UN INCONTRO DI RIFLESSIONE A VITERBO

Lidia Menapace

da TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO Numero 3949 del 10 dicembre 2020

La sera di martedi’ 8 dicembre 2020 a Viterbo, presso il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” si e’ tenuto un incontro di riflessione in memoria di Lidia Menapace.
L’incontro si e’ svolto nel piu’ assoluto rispetto delle misure di sicurezza previste dall’ultimo Dpcm per prevenire e contrastare la diffusione del coronavirus.
All’incontro ha preso parte Paolo Arena.
*
Una minima notizia su Lidia Menapace
Lidia Menapace e’ nata a Novara nel 1924, ha preso parte alla Resistenza, e’ stata poi impegnata nel movimento cattolico, pubblica amministratrice, docente universitaria, fondatrice del “Manifesto”, senatrice; e’ stata tra le voci piu’ significative e autorevoli della cultura e del movimento delle donne, dei movimenti di pace, solidarieta’ e liberazione, della vita civile italiana. E’ deceduta nel 2020. Opere di Lidia Menapace: la maggior parte degli scritti e degli interventi di Lidia Menapace e’ dispersa in quotidiani e riviste, atti di convegni, volumi di autori vari (ora naturalmente anche siti internet); tra i suoi libri: Il futurismo. Ideologia e linguaggio, Celuc, Milano 1968, pp. 120; L’ermetismo. Ideologia e linguaggio, Celuc, Milano 1968, pp. 76; La Democrazia Cristiana, Mazzotta, Milano 1974, pp. 220; Economia politica della differenza sessuale, Felina, Roma 1987, pp. VIII + 140; (a cura di, ed in collaborazione con Chiara Ingrao), Ne’ indifesa ne’ in divisa, Sinistra indipendente, Roma 1988, pp. 244; Il papa chiede perdono: le donne glielo accorderanno?, Il dito e la luna, Milano 2000, pp. 32; Resiste’, Il dito e la luna, Milano 2001, pp. 86; (con Fausto Bertinotti e Marco Revelli), Nonviolenza, Fazi, Roma 2004, pp. 140; Lettere dal palazzo, Marea – Erga Edizioni, Genova 2007, pp. 160; Un anno al senato, Tracce, Pescara 2009, pp. 300; … A furor di popolo!, Marea, Genova 2012, pp. 134; Io, partigiana, Manni, San Cesario di Lecce 2014, 2015, pp. 162; Canta il merlo sul frumento, Manni, San Cesario di Lecce 2015, pp. 144.

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento