Controcanto n. 6. E quello che sappiamo ci serve per non sapere

Melagrane (foto nuovosoldo.it)

Controcanto n. 6

di Nino Gussio

Poche le parole che contano e poche le conoscenze che danno un senso.

Erigiamo barriere al dolore e nel contempo ci impediamo lo sgorgare della gioia, dell’amore; consegniamo il tempo della vita alla grigia abitudine.

Libertà non è l’arbitrio del desiderio ma rompere gli argini dell’egoismo, dell’indifferenza.

Diamo meno agli altri, a noi stessi per non osare l’imprevisto temuto.

Siamo la pesante croce che non vogliamo portare.

Nel segreto dell’anima Dio ha impresso l’orma della sua santità che non sappiamo riconoscere.

E quello che sappiamo ci serve per non sapere.

Social

Related Articles

Commenta

Invia commento