Città Metropolitana di Messina, corso di aggiornamento per i tecnici dell’Ente con funzione di coordinatore della sicurezza nei cantieri

Da lunedì 30 novembre, dieci incontri organizzati con lo Spresal dell’Asp di Messina

Palazzo dei Leoni – Messina (foto nuovosoldo.it)

L’Ufficio Unico della Formazione ed il Servizio di Prevenzione della Città Metropolitana di Messina, con il supporto del Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (Spresal) dell’Asp di Messina, hanno organizzato per il personale tecnico dell’Ente metropolitano un corso di aggiornamento per Coordinatori della Sicurezza, in attuazione delle disposizioni del Testo Unico della Sicurezza D. Lgs. n. 81/2008.

Il Titolo IV del citato decreto prevede, tra le varie figure nei cantieri temporanei e mobili, anche quella di Coordinatore della Sicurezza che, nella Città Metropolitana di Messina, viene svolta prevalentemente dal personale tecnico dell’Ente in possesso dei requisiti di esperienza, professionalità e con specifica formazione, che viene aggiornata ogni cinque anni.

Lunedì 30 novembre c.a. il primo dei dieci incontri formativi svolti con il supporto dello Spresal dell’Azienda Sanitaria di Messina, che metterà a disposizione il personale docente esperto della materia.
L’aggiornamento, della durata complessiva di 40 ore, sarà svolto interamente attraverso la piattaforma telematica, in linea con le norme di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.
L’evento sarà l’occasione per approfondire la normativa vigente in materia di cantieri temporanei e mobili, inclusa l’introduzione delle nuove fattispecie relative ai protocolli condivisi nazionali per il contenimento epidemiologico.

Al termine del corso il personale tecnico potrà continuare ad esercitare le attività di coordinatore della sicurezza nei numerosi cantieri che la Città Metropolitana di Messina ha già avviato o si appresta ad avviare, attuando le misure programmatiche e strategiche previste su tutto il territorio provinciale.

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento