UN RICORDO DI EUGENIO MELANDRI, DI CUI RICORRE DOMANI IL PRIMO ANNIVERSARIO DELLA SCOMPARSA

Francisco Alvarez (Madrid 1936) – senza titolo – cm cm 35 x 25

Ricorre domani, 27 ottobre, il primo anniversario della scomparsa di Eugenio Melandri, un maestro, un amico e un compagno di lotte indimenticabile.

Missionario saveriano, promotore di innumerevoli iniziative di pace e di solidarieta’, parlamentare europeo, e’ stata una delle figure piu’ luminose della nonviolenza nel nostro paese.
*
Una minima notizia su Eugenio Melandri
Eugenio Melandri (Brisighella, 21 settembre 1948 – Ravenna, 27 ottobre 2019), religioso saveriano, giornalista e direttore della rivista “Missione oggi”, parlamentare europeo tra il 1989 e il 1994, e’ stato costantemente impegnato nei movimenti di pace, di solidarieta’, antirazzisti, per la nonviolenza; fondamentale promotore di numerose iniziative contro la guerra, contro le armi, contro il razzismo e l’oppressione sociale, e’ st! ato anche tra i principali animatori della campagna di solidarieta’ “Chiama l’Africa”.
Tra le opere di Eugenio Melandri: segnaliamo almeno I protagonisti, Emi, Bologna 1984; (a cura di), Storie di armi e di mine, Missione Oggi, Parma 1987; (con Stefano Semenzato), Bella Italia, armate sponde, Irene Edizioni, Roma 1989; (con Guido Barbera), La cooperazione dai bisogni ai diritti, Emi, Bologna 2007; L’alba della democrazia: viaggio nel Congo che cambia, Emi, Bologna 2007.
*
Anche nel ricordo e alla scuola di Eugenio Melandri continuiamo nella lotta contro la guerra e tutte le uccisioni.
Anche nel ricordo e alla scuola di Eugenio Melandri continuiamo nella lotta contro il razzismo e tutte le persecuzioni.
Anche nel ricordo e alla scuola di Eugenio Melandri continuiamo nella lotta contro il maschilismo e tutte le oppressioni.
Anche nel ricordo e alla scuola di Eugenio Melandri continuiamo nella lotta contro tutte le violenze.
Anche nel! ricordo e alla scuola di Eugenio Melandri continuiamo nell&#3! 9;impegno nonviolento in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani, in difesa dell’intero mondo vivente.
Anche nel ricordo e alla scuola di Eugenio Melandri continuiamo nell’impegno nonviolento per la realizzazione di una societa’ mondiale di persone libere ed eguali in diritti, responsabili e solidali, in cui da ciascuna persona sia dato secondo le sue capacita’ ed a ciascuna persona sia dato secondo i suoi bisogni.
*
Soccorrere, accogliere, assistere ogni persona bisognosa di aiuto.
Salvare le vite e’ il primo dovere.
Condividere il bene ed i beni.
Oppresse e oppressi di tutti i paesi, unitevi nella lotta per la comune liberazione e per la salvezza dell’intera umanita’ e dell’intero mondo vivente.
Solo la nonviolenza contrasta la violenza.
Solo facendo il bene si puo’ sconfiggere il male.
Solo la nonviolenza puo’ salvare l’umanita’ dalla catastrofe.
Sii tu l’umanita’ come dovreb! be essere.

Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

Viterbo, 26 ottobre 2020

Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo e’ una struttura nonviolenta attiva dagli anni ’70 del secolo scorso che ha sostenuto, promosso e coordinato varie campagne per il bene comune, locali, nazionali ed internazionali. E’ la struttura nonviolenta che oltre trent’anni fa ha coordinato per l’Italia la piu’ ampia campagna di solidarieta’ con Nelson Mandela, allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano. Nel 1987 ha promosso il primo convegno nazionale di studi dedicato a Primo Levi. D! al 2000 pubblica il notiziario telematico quotidiano “La nonviolen! za e’ in cammino” che e’ possibile ricevere gratuitamente abbonandosi attraverso il sito www.peacelink.it

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento