UN APPELLO DI DONNE PER IL NO AL REFERENDUM. UN INCONTRO DI STUDIO A VITERBO

NO al taglio del Parlamento Italiano

La mattina di giovedi’ 3 settembre 2020 si e’ svolto a Viterbo presso il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” un incontro di studio in vista del referendum del 20-21 settembre.
Nel corso dell’incontro e’ stato letto e meditato con vivo consentimento l’appello del “Comitato donne per il NO al referendum” dal titolo “E invece NO”, appello che si riproduce integralmente di seguito.
*
Il testo integrale dell’appello del Comitato donne per il NO al referendum: “E invece NO”
Il referendum sul taglio dei parlamentari prevede una riduzione dei seggi in entrambe le Camere, andando a modificare gli artt. 56, 57 e 59 della Costituzione.
Si passerebbe cosi’ da 630 a 400 seggi alla Camera e da 315 a 200 seggi al Senato, con un taglio complessivo di 345 parlamentari, pari al 36,5%. Tra questi, verrebbero ridotti i parlamentari eletti all’estero (18 a 12).
Con il taglio dei seggi, aumenta il numero di abitanti per parlamentare. Per ciascun deputat* si passa da 96.006 a 151.210 abitanti* e per ciascun senator* da 188.424 a 302.420 abitanti*. Di conseguenza, nel caso di approvazione, sara’ necessario ridefinire i collegi elettorali tramite una nuova legge che richiedera’ ulteriore tempo per l’approvazione.
Dunque la riforma costituzionale, in assenza di una contestuale riforma elettorale e dei partiti, e’ un salto nel buio che compromette la rappresentanza parlamentare e il ruolo stesso del Parlamento.
I vari comitati del No e il documento dei 183 costituzionalisti e costituzionaliste hanno evidenziato in via generale i rischi della riforma che qui sintetizziamo:
– La riforma svilisce il ruolo del Parlamento e ne riduce la rappresentativita’, senza offrire vantaggi apprezzabili ne’ sul piano dell’efficienza delle istituzioni democratiche ne’ su quello del risparmio della spesa pubblica sia perche’ si tratta di risparmi irrisori sia perche’ la democrazia ha un valore che non puo’ essere sacrificato per esigenze di risparmio.
– La riforma riduce in misura sproporzionata e irragionevole la rappresentanza dei territori con il rischio che alcune Regioni finirebbero con l’essere sottorappresentate rispetto ad altre. Un Senato composto da 200 membri non puo’ rappresentare tutte le identita’ politiche, sociali, culturali ed economiche se ogni eletto dovra’ rappresentare circa 300mila abitanti.
– La riforma non eliminerebbe ma, al contrario, aggraverebbe i problemi del bicameralismo perfetto perche’ non introduce alcuna differenziazione tra le due Camere ma si limita semplicemente a ridurne i componenti, il cui numero costituisce una caratteristica del Parlamento e non del bicameralismo perfetto.
– La riforma confonde la qualita’ dei rappresentanti con il ruolo stesso dell’istituzione rappresentativa. Non c’e’ nessuna evidenza che diminuendo il numero dei parlamentari se ne innalzi il livello qualitativo. L’unico effetto che sicuramente produce e’ una penalizzazione delle minoranze e un abbassamento del pluralismo politico.
– La riforma non prevede che sia garantito un corretto ed essenziale lavoro delle Commissioni al Senato anche per dare l’opportunita’ alle minoranze di rappresentare le proprie ragioni. L’eventualita’ di accorpare fra loro le Commissioni esistenti non garantisce che le minoranze possano influire proficuamente sui processi decisionali del Parlamento.
– Con il taglio dei parlamentari la selezione delle candidature da parte delle dirigenze dei partiti o degli stessi leader (gia’ oggi fortemente guidata non sempre da criteri di competenza ma piuttosto da quelli di fedelta’) sarebbe ancor piu’ determinata da considerazioni non valoriali.
– Infine se non si avesse anche una modifica della disciplina elettorale, si verrebbe a creare uno squilibrio circa la rappresentativita’ delle Camere tale da non permettere un’agevole formazione di una maggioranza stabile di governo.
A questi argomenti si aggiungono le perplessita’ sugli effetti negativi che si avrebbero sulla rappresentanza politica delle donne.
– Mancanza di riforma elettorale e di una legge sulla democrazia interna dei partiti. In assenza di questi interventi – necessariamente correlati – si accentua il potere dei capipartito e l’importanza dei finanziamenti delle lobbies. Le donne sono ancora marginalizzate nei luoghi decisionali politici ed economici, quindi avranno minori chances di essere elette.
– Muta il rapporto con l’elettorato, e dunque con i territori. L’eliminazione di 230 deputati e 115 senatori muta il rapporto di rappresentanza e affievolisce il legame con i territori, penalizzando ad esempio le esperienze delle donne come amministratrici locali. I dati sulle competizioni elettorali mostrano minore visibilita’ delle donne nei media e nelle tribune politiche. Risultera’ ancora piu’ esigua la possibilita’ di accesso ai media (che e’ decisa dai capipartito) e quindi di essere elette.
– Leadership maschile nei partiti e nei movimenti. L’entrata in Parlamento e’ nominalmente aperta a tutti, ma di fatto risulta rigidamente controllata dai partiti. Questo dato mostra di avere un effetto relativamente negativo sulle chances di carriera politica delle donne. La misura prevista nella legge elettorale volta all’incremento della rappresentanza femminile non ha consentito il raggiungimento del 40% di donne elette.
– Ruoli centrali negli organi parlamentari. I dati tendono a confinare la rappresentanza femminile in aree settoriali e a ricostruire situazioni di marginalita’ all’interno del Parlamento: e’ significativo il fatto che le donne siano assenti in dicasteri importanti quali quelli economici e che siano prevalentemente presenti nelle commissioni parlamentari che trattano questioni tradizionalmente considerate come di pertinenza delle donne.
– Distorsioni sulla rappresentanza territoriale. Minore rappresentanza delle regioni piu’ piccole e dei partiti minori – se non vi e’ un mutamento profondo nei partiti – concentrera’ la scelta sui soli candidati uomini, come dimostrano i principali report nazionali e internazionali.
– Mancanza di una campagna informativa e uso di un linguaggio demagogico dell’antipolitica che offende la democrazia parlamentare. E’ molto grave che la riforma costituzionale sia priva di un adeguato dibattito pubblico, anche all’interno dei partiti, e comunque si fondi su un linguaggio proprio dell’antipolitica. L’assunto di fondo della riforma si basa sul discredito del ruolo dei parlamentari e dell’Istituzione, ma non si preoccupa affatto di migliorare il processo di formazione delle leggi. La gran parte dei movimenti femministi che hanno promosso norme di garanzia sono mosse dalla convinzione che la democrazia parlamentare e la democrazia paritaria siano strettamente connesse.
Per queste ragioni di fatto la riforma penalizzera’ l’elezione delle donne perche’ meno rappresentanti significa competizione piu’ dura e piu’ cooptazione e piu’ difficolta’ per le donne di essere elette.
Anche per questo come donne e come cittadine voteremo NO al referendum del 20 e 21 settembre!
Prime firmatarie
Antonella Anselmo, Fulvia Astolfi, Paola Manfroni, Laura Onofri, Mia Caielli, Marina Calamo Specchia, Paola Bocci, Michela Marzano, Daniela Colombo, Marcella Corsi, Giovanna Badalassi, Francesca Romana Guarnieri, Carla Marina Lendaro, Stefania Cavagnoli, Giorgia Serughetti, Giovanna Martelli, Lella Palladino, Maura Cossutta, Norma De Piccoli, Anna Maria Buzzetti, Anna Lisa Maccari, Paola d’Orsi , Paola Mereu, Marina Gennari, Orsa Pellion di Persano, Francesca Ricardi, Annalisa Ricardi, Marina Cosi, Michela Quagliano, Cinzia Ballesio, Manuela Ghinaglia, Nadia Mazzardis, Concetta Contini, Simonetta Luciani, Paola Alessandri, Ilaria Boiano, Silvana Appiano, Mirella Ferlazzo, Anna Ruocco, Fernanda Penasso, Beatrice Pizzini, Giusi Fasano, Paola Guazzo, Daniela Aragno, Stefania Graziani, Eleonora Data, Rosanna Paradiso, Maria Luisa Dall’Armi, Micaela Cappellini, Manuela Manera, Marina Ponzetto, Roberta Giangrande, Anna Santarello, Maria Luisa Dodero, Claudia Apostolo, Donatella Caione, Paola Berzano, Sonia Martino, Enrica Guglielmotti, Sofia Massia, Stefanella Campana, Enrica Baricco, Maria Elvira Renzetti, Mariangela Marengo, Vilma Nicolini, Luisella Zanin, Carmen Belloni, Giuliana Brega, Patrizia de Michelis, Maria Letizia Spasari, Patrizia Soldini, Gabriella Anselmi, Susanna Panzieri, Anna Sburlati, Sandra Basaglia, Paola Ferrero…
Per aderire scrivere a: einveceNO.alreferendum@gmail.com
*
Una riflessione a Viterbo
L’incontro di studio e’ stato aperto dal responsabile della struttura nonviolenta viterbese, Peppe Sini, che ha evidenziato come ancora una volta siano voci di donne a dire le parole di verita’ necessarie, confermando come il pensiero delle donne e il movimento di liberazione delle donne siano il cuore pulsante, la corrente calda e il maggior inveramento storico della nonviolenza in cammino, del movimento delle oppresse e degli oppressi in lotta per la liberazione dell’umanita’ intera e la salvaguardia dell’intero mondo vivente.
Questo appello di donne per il NO al referendum coglie questioni decisive su cui occorre esprimersi: non si tratta solo di contrastare l’ideologia e la prassi che sussumono la sfera politica al potere economico, si tratta anche di difendere la Costituzione, la democrazia, il diritto di tutto il popolo ad essere rappresentato nell’organo legislativo; si tratta di difendere la separazione e il controllo dei poteri; si tratta di opporsi alla deriva antiparlamentare ed antidemocratica che porta verso l’oligarchia, l’autoritarismo, il totalitarismo.
Da questo appello emerge anche con assoluta chiarezza il legame che c’e’ tra difesa della democrazia ed opposizione alla guerra, al razzismo, al maschilismo, alla violenza. Votare NO al referendum e’ coerente con il NO alla guerra e a tutte le uccisioni, al razzismo e a tutte le persecuzioni, al maschilismo e a tutte le oppressioni.
E’ anche evidente che nel campo del NO all’antiparlamentarismo, del NO al fascismo, del NO alla barbarie, si riconoscono una varieta’ di soggetti portatori di varie e diverse opinioni e posizioni: e questo e’ la ricchezza preziosa della democrazia, il sale della civile convivenza.
Anche se i potenti e i padroni vorrebbero costringerci al silenzio e alla resa, possiamo e dobbiamo impegnarci per far vincere il NO al referendum, per resistere al razzismo e al militarismo, per costruire l’alternativa nonviolenta alla stoltezza e alla violenza dei potenti.
*
Una profonda condivisione
Le persone partecipanti all’incontro hanno analizzato, apprezzato e condiviso l’appello del “Comitato donne per il NO al referendum”, s’impegnano a diffonderlo nei prossimi giorni, ed invitano interlocutori ed interlocutrici a meditarlo e ridiffonderlo ancora.
Occorre un impegno corale per far si’ che il referendum sia espressione dell’autentica volonta’ popolare: perche’ cio’ accada e’ necessario che ogni persona sia adeguatamente informata, documentata, consapevole.
*
Quid agendum
Occorre fare cinque cose per contrastare la disinformazione e la manipolazione.
1. che ogni persona di volonta’ buona, che ogni associazione democratica prendano pubblicamente posizione per il NO, e diffondano “urbi et orbi” questa presa di posizione.
2. che ogni persona di volonta’ buona, che ogni associazione democratica sollecitino altre persone ed altre associazione a prendere anch’esse posizione per il NO, e a diffondere questa loro presa di posizione.
3. che ogni persona di volonta’ buona, che ogni associazione democratica intervengano sui mass-media e sui social media affinche’ si impegnino per una corretta informazione.
4. che ogni persona di volonta’ buona, che ogni associazione democratica promuovano ovunque possibile comitati locali per il NO al taglio del parlamento, collegandosi anche con il Comitato nazionale: sito: www.noaltagliodelparlamento.it , e-mail: info@noaltagliodelparlamento.it , ed anche con il Coordinamento per la democrazia costituzionale, sito: www.coordinamentodemocraziacostituzionale.it
5. che ogni persona di volonta’ buona, che ogni associazione democratica promuovano ovunque possibile ulteriori iniziative di informazione, documentazione, coscientizzazione, riflessione, dibattito.
Il tempo e’ poco, occorre impegnarsi subito.
A titolo di esempio di seguito presentiamo una bozza di dichiarazione utilizzabile (ovviamente modificandola se lo si riterra’ opportuno).
“Al referendum del 20-21 settembre voteremo NO.
Voteremo NO al taglio del Parlamento, alla strozzatura della rappresentanza democratica, all’estromissione delle minoranze dalle Camere, al compiuto asservimento dell’organo legislativo all’esecutivo e a centri di potere extraistituzionali ed antidemocratici.
Voteremo NO alla manomissione della Costituzione e alla compressione ed imprigionamento della sovranita’ popolare.
Voteremo NO alla negazione del principio su cui si fonda lo stato di diritto: la separazione, l’equilibrio ed il controllo dei poteri.
Voteremo NO al disegno di sostituire alla democrazia rappresentativa un potere oligarchico e opaco, abusivo e tracotante, effettualmente violento e tendenzialmente totalitario.
Voteremo NO condividendo l’appello degli illustri docenti di diritto costituzionale che hanno denunciato i guasti gravissimi della riforma costituzionale sottoposta a referendum.
Voteremo NO perche’ la democrazia, la liberta’, la giustizia, il diritto alla vita, alla salute e alla dignita’ sono beni troppo preziosi per permettere che siano “tagliati per risparmiare”.
Voteremo NO perche’ in quanto esseri umani preferiamo essere cittadini anziche’ sudditi”.
*
In calce alleghiamo anche quattro altri appelli che recano anch’essi utili elementi di riflessione.
NO all’antiparlamentarismo, NO al fascismo, NO alla barbarie.

Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

Viterbo, 3 settembre 2020

“Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

 

* * *

Allegato primo: Un appello nonviolento per il NO al referendum
No alla riforma costituzionale che mutila la democrazia rappresentativa e mira ad imporre un regime totalitario nel nostro paese
Al referendum costituzionale sulla mutilazione del parlamento del 20-21 settembre 2020 voteremo no.
Siamo contrari a ridurre il Parlamento a una tavolata di yes-men al servizio di esecutivi tanto insipienti quanto tracotanti e dei grotteschi e totalitari burattinai razzisti e militaristi che li manovrano.
Siamo contrari al passaggio dalla democrazia rappresentativa, per quanto imperfetta essa possa essere, al fascismo.
La mutilazione del parlamento attraverso la riduzione del numero dei parlamentari ha questo significato e queste fine: favorire il passaggio da una democrazia costituzionale gia’ profondamente ferita a un regime sempre piu’ antidemocratico ed eslege, sempre piu’ protervo e brutale.
Al referendum del 20-21 settembre 2020 votiamo no all’antiparlamentarismo, no al fascismo, no alla barbarie.
No all’antiparlamentarismo, che alla separazione e all’equilibrio dei poteri, alla rappresentanza proporzionale dell’intera popolazione e alla libera discussione e consapevole deliberazione vuole sostituire i bivacchi di manipoli, l’autoritarismo allucinato, plebiscitario e sacrificale, il potere manipolatorio dei padroni occulti e palesi delle nuove tecnologie della propaganda e della narcosi.
No al fascismo, crimine contro l’umanita’.
No alla barbarie, che annichilisce ogni valore morale e civile, che perseguita ed estingue ogni umana dignita’ e virtu’, che asservisce la societa’ alla menzogna e alla violenza”.

* * *

Allegato secondo: L’appello di 183 costituzionalisti per il NO al referendum
Le ragioni del nostro NO al referendum sulla riduzione del numero dei parlamentari
In risposta all’appello del Direttore della testata online “Huffington Post” Mattia Feltri, pubblicato lo scorso 8 agosto, le sottoscritte e i sottoscritti, docenti, studiose e studiosi di diritto costituzionale, intendono spiegare le ragioni tecniche per le quali si oppongono alla riforma sulla riduzione del numero dei parlamentari, illustrando i rischi per i principi fondamentali della Costituzione che la revisione comporta.
Si precisa che il presente documento scaturisce da un’iniziativa autonoma e totalmente indipendente sia dal Coordinamento per la democrazia costituzionale (CDC), sia dal Comitato nazionale per il No al taglio del Parlamento, cosi’ come da ogni altro ente, organismo e associazione, esprimendo considerazioni frutto esclusivamente dell’elaborazione collettiva dei sottoscrittori.
Il testo di legge costituzionale sottoposto alla consultazione referendaria, introducendo una riduzione drastica del numero dei parlamentari (da 945 componenti elettivi delle due Camere si passerebbe a 600), avrebbe un impatto notevole sulla forma di Stato e sulla forma di governo del nostro ordinamento. Tanti motivi inducono a un giudizio negativo sulla riforma: qui si illustrano i principali.
1) La riforma svilisce, innanzitutto, il ruolo del Parlamento e ne riduce la rappresentativita’, senza offrire vantaggi apprezzabili ne’ sul piano dell’efficienza delle istituzioni democratiche ne’ su quello del risparmio della spesa pubblica.
I fautori della riforma adducono, a sostegno del “SI'” al referendum, la riduzione di spesa che la modifica della composizione delle Camere determinerebbe. Si tratta, pero’, di un argomento inaccettabile non soltanto per l’entita’ irrisoria dei tagli di cui si parla, ma anche perche’ gli strumenti democratici basilari (come appunto l’istituzione parlamentare) non possono essere sacrificati o depotenziati in base a mere esigenze di risparmio.
La riduzione del numero dei parlamentari non deriverebbe, inoltre, da una riforma ragionata del bicameralismo perfetto (il vigente assetto parlamentare in base al quale le due Camere si trovano nella stessa posizione e svolgono le medesime funzioni). Tale sistema non sarebbe toccato dalla legge costituzionale oggetto del referendum.
Spesso si fa riferimento agli esempi di altri Stati ma non puo’ correttamente compararsi il numero dei componenti delle Camere italiane con quello di altre assemblee parlamentari in termini astratti, senza tenere conto del numero degli elettori (e, dunque, del rapporto eletti/elettori). Si trascura, inoltre, che in molti degli ordinamenti assunti come termini di paragone si riscontrano forme di governo e tipi di Stato diversi dai nostri.
2) La riforma presuppone che la rappresentanza nazionale possa essere assorbita nella rappresentanza di altri organi elettivi (Parlamento europeo, Consigli regionali, Consigli comunali, ecc.), contro ogni evidenza storica e contro la giurisprudenza della Corte costituzionale.
I fautori della riforma sostengono ancora che la riduzione del numero dei parlamentari non arrecherebbe alcun danno alle esigenze della rappresentativita’ perche’ sarebbero gia’ tanti gli organi elettivi (Parlamento europeo, Consigli regionali, consigli comunali, ecc.) la cui formazione dipenderebbe dal voto dei cittadini. La rappresentanza nazionale, secondo questa tesi, potrebbe trovare un’espressione parcellizzata in altri luoghi istituzionali. A prescindere, pero’, da ogni altra considerazione sul ruolo e sulle competenze degli organi elettivi richiamati (ad esempio, i Consigli regionali italiani non sono paragonabili ai parlamenti degli Stati membri di una federazione), si puo’ ricordare che la Corte costituzionale ha chiarito che “solo il Parlamento e’ sede della rappresentanza politica nazionale, la quale imprime alle sue funzioni una caratterizzazione tipica ed infungibile”.
Basta leggere, del resto, le materie attribuite dalla Costituzione alla competenza esclusiva del legislatore statale (e considerare l’interpretazione estensiva che di molte di queste materie ha dato la stessa Corte costituzionale nella sua giurisprudenza) per avere un’idea dell’importanza delle Camere.
3) La riforma riduce in misura sproporzionata e irragionevole la rappresentanza di interi territori.
Per quanto riguarda la nuova composizione del Senato, alcune Regioni finirebbero con l’essere sottorappresentate rispetto ad altre. Cosi’, ad esempio, l’Abruzzo, con un milione e trecentomila abitanti, avrebbe diritto a quattro senatori, mentre il Trentino-Alto Adige, con le sue due province autonome e con una popolazione complessiva di un milione di abitanti, avrebbe in tutto sei senatori; e ancora la Liguria, con cinque seggi, avrebbe una rappresentanza al Senato, in sostanza, della sola area genovese.
4) La riforma non eliminerebbe ma, al contrario, aggraverebbe i problemi del bicameralismo perfetto (anche se e’ spesso presentata dai suoi sostenitori come un intervento volto a raggiungere gli stessi obiettivi di precedenti progetti di riforma, diretti a rendere piu’ efficiente l’istituzione parlamentare).
Come si e’ gia’ detto, l’attuale riforma non introduce alcuna differenziazione tra le due Camere ma si limita semplicemente a ridurne i componenti, il cui elevato numero costituisce una caratteristica del Parlamento e non del bicameralismo perfetto. Tale assetto, in teoria, potrebbe anche essere modificato senza alterare in modo cosi’ incisivo il numero dei parlamentari, anche solo per il tramite di una contestuale riforma dei regolamenti parlamentari di Camera e Senato. Al contrario, se si considerano i problemi di rappresentanza di alcuni territori regionali che la riforma comporterebbe, risulta che paradossalmente la legge in questione finirebbe con l’aggravare, anziche’ ridurre, i problemi del bicameralismo perfetto.
5) La riforma appare ispirata da una logica “punitiva” nei confronti dei parlamentari, confondendo la qualita’ dei rappresentanti con il ruolo stesso dell’istituzione rappresentativa. La revisione costituzionale sembra essere espressione di un intento “punitivo” nei confronti dei parlamentari – visti come esponenti di una “casta” parassitaria da combattere con ogni mezzo – ed e’ il segno di una diffusa confusione del problema della qualita’ dei rappresentanti con il ruolo dell’organo parlamentare. Non e’ dato riscontrare, tuttavia, un rapporto inversamente proporzionale tra il numero dei parlamentari e il livello qualitativo degli stessi. Una simile riduzione dei componenti delle Camere penalizzerebbe soltanto la rappresentanza delle minoranze e il pluralismo politico e potrebbe paradossalmente produrre un potenziamento della capacita’ di controllo dei parlamentari da parte dei leader dei partiti di riferimento, facilitato dal numero ridotto degli stessi componenti delle Camere.
Non puo’ trascurarsi, inoltre, lo squilibrio che si verrebbe a determinare qualora, entrata in vigore la modifica costituzionale, non si avesse anche una modifica della disciplina elettorale, con essa coerente, tale da assicurare – nei limiti del possibile – la rappresentativita’ delle Camere e, allo stesso tempo, agevolare la formazione di una maggioranza (sia pur relativamente) stabile di governo.
E’ illusorio, in conclusione, pensare alle riforme costituzionali come ad azioni dirette a causare shock a un sistema politico-partitico incapace di autoriformarsi, nella speranza che l’evento traumatico possa innescare reazioni benefiche. Una cattiva riforma non e’ meglio di nessuna riforma. Semmai e’ vero il contrario. Respingendo questa riforma perche’ monca e destabilizzante, ci sarebbe spazio per proposte equilibrate che mantengano intatti i principi fondanti del nostro ordinamento costituzionale; al contrario sarebbe piu’ difficile mettere in discussione una riforma appena avallata dal corpo elettorale. Occorrono, in definitiva, interventi idonei ad apportare miglioramenti al sistema nel rispetto della democraticita’ e della rappresentativita’ delle istituzioni.
Per queste ragioni i sottoscritti voteranno convintamente “NO”!

* * *

Allegato terzo: L’appello dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia: “Perche’ votiamo NO”
Vademecum per il referendum del 20-21 settembre 2020
Il 20 e 21 settembre si vota per il referendum confermativo della riforma costituzionale che riduce il numero di parlamentari; contemporaneamente si vota in sette Regioni, in piu’ di mille Comuni per la tornata elettorale delle amministrative, per le elezioni suppletive nei collegi Sardegna 03 e Veneto 09 del Senato.
Con la riforma costituzionale il Parlamento passera’ dagli attuali 630 deputati a 400 e dagli attuali 315 senatori a 200. E’ un taglio di piu’ del 36%.
La scelta di accorpare il referendum e il voto in una unica data per di piu’ cosi’ ravvicinata, immediatamente dopo il periodo festivo, rendera’ impossibile fornire ai cittadini in campagna elettorale una adeguata informazione sul tema referendario, che e’ molto importante perche’ comporta una rilevante modifica della Costituzione.
Inevitabilmente tanti elettori, portati alle urne dalle contemporanee elezioni amministrative e regionali, saranno costretti a votare in modo frettoloso e superficiale, non avendo su fficienti elementi di conoscenza per giudicare se il taglio dei parlamentari proposto sia una scelta giusta, opportuna e ponderata, o meno.
*
Dicono che in Europa l’Italia ha il numero piu’ alto di parlamentari: non e’ vero.
Dicono che si risparmieranno 500 milioni di euro a legislatura: non e’ vero.
Dicono che ci sara’ una maggiore efficienza del Parlamento: non e’ vero.
Serve un Parlamento rappresentativo, forte e autorevole: e’ una riforma scritta male.
*
Dicono che in Europa l’Italia ha il numero piu’ alto di parlamentari: non e’ vero.
Fra i Paesi dell’Unione Europea l’Italia, rispetto al numero di abitanti, ha un numero di deputati molto basso, poco piu’ di Francia, Olanda, Spagna e Germania, e meno, spesso molto meno di tutti gli altri Paesi.
[Per insormontabili difficolta’ grafiche abbiamo qui omesso la riproduzione della tabella che puo’ essere consultata nel sito www.anpi.it – ndr] Dal Dossier degli uffi ci studi di Camera e Senato. Con la riforma in Italia si avrebbe un deputato ogni 151.210 abitanti; diventerebbe il Paese Ue col minor numero di deputati per abitante (0.7 per 100.000). In altre parole diminuisce la rappresentanza.
In parole povere, con la riforma un deputato non rappresenterebbe piu’ come prima in media 96.006 elettori, ma ben 151.210. Percio’ per il deputato sara’ molto piu’ diffi cile rappresentare concretamente un numero cosi’ elevato di cittadini. Questo e’ il limite piu’ grande della riforma, perche’ colpisce la funzione piu’ importante che dovrebbe avere il parlamento: la rappresentanza. Sara’ poi piu’ diffi cile, ed in alcuni casi impossibile, rappresentare adeguatamente le minoranze linguistiche e i partiti piu’ piccoli. Inoltre tagliando cosi’ i parlamentari potra’ essere che in questa o quella regione siano eletti solo i candidati della maggioranza. Per questo la riforma e’ l’ennesimo colpo ad un parlamento gia’ duramente sminuito.
Nel corso degli ultimi decenni ci hanno raccontano che andava migliorata la governabilita’ e per questo hanno umiliato la rappresentanza. Che vuol dire rappresentanza? Vuol dire agire su un mandato consapevole di altri, in loro nome. In questo caso, su mandato degli elettori. Che vuol dire governabilita’? Vuol dire garantire che il governo possa fare il suo lavoro a lungo e senza intoppi. In realta’ per una presunta governabilita’, hanno trascurato la rappresentanza. Infatti tanta gente non si sente rappresentata e non va piu’ a votare. Con l’attuale legge elettorale di fatto l’elettore non decide chi eleggere, ma lo decide il capopartito o il capocorrente. E non e’ vero che e’ migliorata la governabilita’. Basti pensare alla crisi dell’ultimo governo ad agosto dell’anno scorso, quando il ministro dell’Interno ha deciso di far cadere il suo stesso governo. Che c’entra il parlamento?
*
Dicono che si risparmieranno 500 milioni di euro a legislatura: non e’ vero.
I tecnici aff ermano che la cifra esatta e’ circa la meta’, per l’esattezza 285 milioni di euro per legislatura, pari a 57 milioni all’anno. Si tratta dello 0,007 per cento della spesa pubblica. Una cifra insignificante.
Peraltro la riduzione dei costi come conseguenza della riduzione del numero di parlamentari e’ un fatto del tutto marginale, perche’ i costi di Camera e Senato sono determinati da moltissime voci e variano enormemente a parita’ di numero dei parlamentari. Per esempio la Camera del Regno Unito costa molto meno di quella italiana a parita’ di numero, mentre quella degli Stati Uniti costa di piu’, nonostante il numero di rappresentanti (parlamentari) sia di 435, cioe’ molto inferiore al numero attuale di deputati nel parlamento italiano.
Risparmiare e’ giustissimo, e il primo a dare l’esempio dev’essere lo Stato. Ma un conto e’ risparmiare, un altro conto e’ tagliare a casaccio, senza criterio, solo per mettersi il fiore all’occhiello e dire “Abbiamo tagliato la casta!”. Tutti i Paesi hanno dei costi per far funzionare le istituzioni. Ma i costi per far funzionare la democrazia sono degli investimenti perche’ siano garantiti diritti e liberta’.
*
Dicono che ci sara’ una maggiore efficienza del Parlamento: non e’ vero.
Dove sta scritto che avere meno parlamentari aumenti l’e fficienza? Ma in primo luogo che vuol dire e fficienza del Parlamento? Vuol dire maggiore capacita’ di realizzare i suoi compiti. I compiti stabiliti con chiarezza dalla Costituzione sono tre: rappresentare i cittadini (“Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione”), legiferare (“La funzione legislativa e’ esercitata collettivamente dalle due Camere”), controllare l’operato del governo in base a un rapporto fiduciario (“Il governo deve avere la fiducia delle due Camere”). Abbiamo gia’ visto che la funzione di rappresentanza sara’ fortemente svuotata. La funzione legislativa e’ del tutto indipendente dal numero di parlamentari. Il controllo sull’operato del governo sara’ presumibilmente meno e fficace, perche’ un gruppo di parlamentari molto piu’ ridotto sara’ meno pluralista e piu’ facilmente prono alle indicazioni del capogruppo.
Per di piu’ diminuendo drasticamente il loro numero, in Aula e nelle Commissioni vi saranno meno parlamentari con competenze specifiche. Bisognera’ comunque riscrivere i regolamenti delle Commissioni e dei gruppi parlamentari.
In sostanza a ffermare che con meno parlamentari aumentera’ l’effi cienza e’ un’aff ermazione non dimostrata in alcun modo, e percio’ puramente propagandistica.
*
Legge elettorale e elezione del Presidente della Repubblica: Scilla e Cariddi.
La riduzione del numero di parlamentari comporta necessariamente la modifica della legge elettorale.
Per salvaguardare in qualche modo la rappresentanza, ci vorrebbe una legge elettorale proporzionale che tuteli i piccoli partiti. Non c’e’ ancora nulla.
Non solo: bisognera’ cambiare ancora la Costituzione per l’elezione del Presidente della Repubblica. Infatti la Costituzione aff erma che “Il Presidente della Repubblica e’ eletto dal Parlamento in seduta comune dei suoi membri. All’elezione partecipano tre delegati per ogni Regione eletti dal Consiglio regionale in modo che sia assicurata la rappresentanza delle minoranze”. Ma se diminuisce di piu’ di un terzo il numero dei parlamentari e si mantiene lo stesso numero di delegati regionali, si da’ a questi ultimi un soverchiante potere di elezione a discapito di quello dei parlamentari. D’altra parte diminuendo il numero dei rappresentanti regionali, come necessario, c’e’ il rischio di non assicurare la rappresentanza delle minoranze.
Un vero pasticcio che richiede una riformulazione dell’articolo della Costituzione per salvaguardare il potere del Parlamento senza punire le minoranze regionali.
*
Chi non paga le tasse, chi ha sede fiscale all’estero: la vera casta.
La polemica contro i rappresentanti delle istituzioni come “la casta” e’ inquietante. Ci sono i ricchissimi, che spesso le tasse non le pagano, o che hanno la sede fiscale all’estero. Ci sono grandi patrimoni che sembrano intoccabili. La vera casta. Ma su di loro, un muro di silenzio.
Diciamoci la verita’: oggi, proprio quando i ricchi sono sempre piu’ ricchi e i poveri sono sempre piu’ poveri – basti pensare al dramma del virus – si difende un sistema che mantiene e aumenta le diseguaglianze, si difende una casta, quella vera. E si off ende e si umilia il parlamento, cioe’ il cuore della rappresentanza politica, invece di restituirgli la sua funzione costituzionale.
*
Serve un Parlamento rappresentativo, forte e autorevole: e’ una riforma scritta male.
Questa riduzione del numero di parlamentari e’ scritta male, senza alcuna seria motivazione e senza alcuna considerazione sulle conseguenze istituzionali. Non sembra progettata per migliorare il lavoro del Parlamento, ma per ridurne ancora le funzioni trasformandolo in uno strumento marginale della democrazia. Tanto minore e’ il potere del Parlamento, tanto maggiore e’ il potere del governo, cioe’ dell’esecutivo. Ma oggi all’Italia serve proprio il contrario: una democrazia forte e’ una democrazia che rappresenta fortemente i cittadini attraverso organismi autorevoli e riconosciuti a cui i cittadini rivolgono la loro fiducia. E’ invece sulla sfiducia e sul qualunquismo che punta questa riforma: i continui attacchi al Parlamento – la “casta”, le “poltrone” – rivelano un’avversione verso la democrazia rappresentativa molto pericolosa perche’ puo’ portare al successo dell’idea dell’uomo forte, idea che ha gia’ portato una volta il Paese nel baratro.
Addio diritti!
Addio democrazia!
Non sprechiamo le conquiste di liberta’ e democrazia donateci dalla Resistenza!
*
Tagliare cosi’ il numero dei parlamentari vuol dire tagliare il diritto di scegliere i nostri rappresentanti.
Noi votiamo NO.
Associazione Nazionale Partigiani d’Italia
www.anpi.it – www.patriaindipendente.it

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento