Corigliano-Rossano (Cs). La cultura si conferma punto fermo della nostra visione politica

La Consigliera Alboresi

Cinema, teatro, musica. Un focus sul centenario felliniano, per poi proseguire con una mini rassegna dedicata al cinema calabrese, con camei dell’attore catanzarese Checco Colella (Aspromonte) e una introduzione dello scrittore Gioacchino Criaco (Anime Nere) Musiche dal Mediterraneo, in una serie di incontri declinati in un dialogo culturale, ponte tra realtà che si affacciano sullo stesso mare, in un flusso di influenze musicali reciproche e di contaminazione esistenziali che danno ragione al nostro pensiero meridiano. Il teatro, quello popolare della nostra gente, enfatizzato dalla cornice dei monumenti che ospitano le serate dedicate a questa nobile arte. E poi gli eventi dedicati al centenario rodariano, ad Escher, i trekking nei nostri bellissimi centri storici e nei cammini tra i monti, cerniere naturali e solide che da sempre tengono unite le nostre comunità.

Questi ed altri eventi, in fieri, in attesa che i dpcm chiariscano e definiscano le regole del nostro stare insieme in questa estate Covid. Perché forse i vari avvoltoi che in queste ore si stanno scatenando in un ciarlare chiassoso e molesto si sono dimenticati del virus, e di quello che ha implicato. E sta implicando. In termini di organizzazione e gestione. Io non me lo sono dimenticata. Come potrei, del resto. In qualità di “consigliera covid”, come migliaia di altre persone, porto ancora sulle spalle i segni della malattia, in termini di problemi clinici (pochi, per fortuna) e psicologici, un senso di insicurezza e paura costante al quale ho reagito lavorando a capofitto con gli assessori di riferimento la commissione che mi onoro di presiedere. L’obiettivo è stato quello di organizzare un cartellone estivo in rispetto delle regole covid e della qualità culturale che sottende la nostra idea di Città e comunità. Radici ben piantate nella nostra ricchissima storia, sguardo dritto e alto sul mondo.

Capisco il disagio per i ritardi nella manutenzione delle spiagge e del verde pubblico, ma sono certa che la maggioranza dei miei concittadini capisce il momento.

Respingo al mittente gli attacchi di chi ha rappresentato familismo e vuoto politico degli ultimi anni. Mostrando pochezza allora così come adesso.

Il duplice momento epocale che stiamo vivendo – “costruire” una CittĂ  nel bel mezzo di una pandemia – meriterebbe piĂą rispetto da parte di tutti.

ALESSIA ALBORESI
CONSIGLIERE COMUNALE DI MAGGIORANZA

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento