Libano, Foad Aodi (Co-mai): Appello all’Italia e al Vaticano per sostenere di più il Libano ed il Ministro Hitti

Per rafforzare la sicurezza, il rilancio economico e la cooperazione internazionale

Co-mai: Invito al Popolo libanese di unirsi e affrontare questa tragica situazione con impegno a favore di tutti

Foad Aodi

Cosi la Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e la Conferderazione internazionale laica interreligiosa (Cili-Italia) commentano la visita del Ministro degli Affari Esteri Libanese Nassif Hitti in Italia, apprezzando i contenuti e le proposte e auspicando che il Governo Italiano e il Vaticano possano intensificare il loro sforzo per sostenere ancora di più la popolazione e il Governo libanese, che da mesi stanno cercando una stabilità e un rilancio dell’economia nonchè il dialogo tra tutte le frazioni.

“Diamo il bentornato al Ministro Hitti in Italia, dove abbiamo conosciuto le sue qualità diplomatiche e le sue competenze nel promuovere il dialogo interreligioso, la conoscenza culturale e la difesa dei diritti umani e delle donne già quando era capo missione della Lega Araba in Italia e con lui abbiamo trovato un’ottima intesa di collaborazione con la Co-mai, Cili-Italia e anche in ambito sanitario con l’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), partecipando a numerosi nostri convegni, conferenze e dibattiti.

Ringraziamo il Governo Italiano e il Vaticano per la loro disponibilità ad ascoltare tutte le proposte di Hitti, auspicando che vengano subito concretizzate le risposte nei vari campi alle domande sollevate: stabilita, rilancio economico e cooperazione internazionale a favore del popolo libanese, che soffre da mesi e anni una crisi economica mai vista in passato tanto che si sta registrando un aumento dei suicidi, proprio per colpa della situazione economica delle famiglie libanesi in Libano e all’estero. Inoltre chiediamo all’Italia di sollecitare questo sostegno da parte di tutti i paesi europei e tornare protagonista in Medio Oriente e nel Mondo.

Infine esprimiamo solidarietà alla Comunità medici e studenti libanesi in Italia ringraziandoli per il loro impegno costante a favore di tutti che nell’emergenza di Coronavirus li ha visti impegnati in prima linea con i medici arabi e di origine straniera dell’Amsi e dell’UMEM (Unione Medica Euro Mediterranea) a tutelare la salute di tutti. Cosi dichiara Foad Aodi, Fondatore Co-mai e Amsi, che ringrazia il Ministro Hitti per tutto il suo impegno a favore dei ponti di dialogo tra il il Libano e l’Italia, evidenziando l’importanza del dialogo tra le civiltà prima di tutto.

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento