“Il 21 giugno 1908 a Londra “la domenica delle donne” (“Women’s Sunday”)…”

Federico Gariboldi (Genova 1879 – Varese 1950) – “Ritratto di donna” particolare – olio su compensato, cm 49 x 39

Il 21 giugno 1908 a Londra mezzo milione di donne manifestarono per chiedere il diritto di voto. Fu una delle innumerevoli iniziative del movimento suffragista, e resto’ celebre come “la domenica delle donne” (“Women’s Sunday”).

Nella storia considerata come storia della liberazione dell’umanita’, quella giornata e quel movimento costituiscono un punto di riferimento indimenticabile e fondamentale.

La lotta del movimento di liberazione delle donne e’ l’esperienza storica decisiva della nonviolenza in cammino. E la “corrente calda” che porta avanti con se’ tutte le speranze, tutte le esperienze e tutte le lotte di liberazione.

Non solo in questa ricorrenza ma ogni giorno ringraziamo tutte le donne che con la loro lotta liberano l’umanita’ intera.
Con voce e con volto di donna la nonviolenza e’ in cammino.

*

In calce a queste righe alleghiamo:
– un recentissimo comunicato dell'”One Billion Rising”, una delle esperienza piu’ vive degli ultimi anni, che ogni 14 febbraio organizza una manifestazione internazionale cui partecipano donne di tutto il mondo.
– il testo della canzone “Break the chain” che viene cantata e danzata in quella circostanza;
– alcune minime riflessioni che il nostro centro nonviolento viterbese e’ venuto svolgendo nel corso degli anni.

Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

Viterbo, 20 giugno 2020

“Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo e’ una struttura nonviolenta attiva dagli anni ’70 del secolo scorso che ha sostenuto, promosso e coordinato varie campagne per il bene comune, locali, nazionali ed internazionali. E’ la struttura nonviolenta che oltre trent’anni fa ha coordinato per l’Italia la piu’ ampia campagna di solidarieta’ con Nelson Mandela, allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano. Nel 1987 ha promosso il primo convegno nazionale di studi dedicato a Primo Levi. Dal 2000 pubblica il notiziario telematico quotidiano “La nonviolenza e’ in cammino” che e’ possibile ricevere gratuitamente abbonandosi attraverso il sito www.peacelink.it

* * *

Allegato primo: “One Billion Rising” per un mondo post-Covid19
[Dal Coordinamento One Billion Rising Italia (per contatti: obritalia@gmail.com) riceviamo e diffondiamo]

Carissimi attiviste e attivisti che siete al nostro fianco in One Billion Rising, abbiamo davvero attraversato tutte e tutti un momento di grande paura e non abbiamo nemmeno avuto il tempo di ringraziarvi e gioire insieme, dopo il nostro One Billion Rising 2020.
Sentiamo quindi il bisogno prima di tutto di chiedervi come state e se state riuscendo a riprendere l’attivismo che e’ nel cuore di tutte noi.
Per quanto riguarda noi, siamo riuscite a tenerci in contatto con i Coordinatori di One Billion Rising e con V (e’ questo il nuovo nome di Eve Ensler adesso), per farci coraggio e trasmetterci esperienze e forza su come vivere e superare questa tragedia planetaria.
Oggi con un po’ di speranza nello sguardo e la consapevolezza che questo periodo di rischio e pericolo non sia finito, vogliamo pero’ ricominciare a far sentire la nostra voce e a riparlare dei nostri obiettivi comuni. Lo vogliamo e lo dobbiamo fare anche perche’ come state vedendo non solo la violenza maschile sulle donne non si ferma, ma le donne sono state letteralmente dimenticate dalle politiche in atto e rischiano di rimetterci seriamente ed irreparabilmente nel lavoro e nella vita di ogni giorno.
One Billion Rising a livello mondiale ha scritto un nuovo manifesto che affronta la necessita’ di una nuova visione del mondo, con lo sguardo femminile e femminista che da sempre manca. Vi giriamo in calce alla mail il manifesto, perche’ crediamo vi siano cose preziose su cui riflettere. Noi, come One Billion Rising Italia vogliamo, insieme a voi, avviare delle campagne con messaggi che possano spingere su temi per noi importanti e sostenere l’attivismo di altre associazioni su questi argomenti. Saranno messaggi che parleranno di rappresentanza delle donne, di diritto al lavoro e del diritto di disporre di servizi di welfare che non ricadano sulle spalle del genere femminile. Ma vorremmo che anche voi ci aiutaste a capire quali sono le priorita’ della nostra azione insieme, perche’ le donne non arretrino. E vogliamo anche essere noi, a nostra volta, un luogo di valorizzazione delle vostre iniziative.
Vi chiediamo quindi di risentirci via mail e di partecipare a una nostra chiamata per un “Zoom Obr Italy Meeting” che abbiamo previsto per il 29 giugno alle ore 18,30. Rivedervi sara’ una grande gioia e anche una occasione per parlare di quanto qui vi abbiamo anticipato. Fateci sapere se potrete partecipare.
Un grande abbraccio
Nicoletta, Luisa, Silvia
Coordinamento One Billion Rising Italia
*
One Billion Rising per un mondo post-Covid19
Il virus Covid19 si e’ in breve tempo aperto e ha rivelato le vene distruttive del patriarcato razzista capitalista neoliberale. Ogni giorno vediamo che la maggior parte delle persone che muoiono sono quelle storicamente sfruttate, oppresse ed emarginate dalla poverta’, dal razzismo, dalla xenofobia. Il virus sta rivelando i sistemi violenti, spezzati, avidi e in crescita che abbiamo tollerato e con cui siamo stati costretti a convivere per troppo tempo.
Mentre immaginiamo un mondo post Covid-19, ora dovremo chiedere a noi stessi: “Cosa, chi e’ essenziale?”, “cosa significherebbe vivere con solo cio’ che e’ essenziale?” e “come valorizzeremo, proteggeremo e sosterremo coloro che stanno facendo il lavoro essenziale?”.
La Terra. La piu’ essenziale per tutta la vita e la piu’ violata.
In tutto il pianeta, la maggior parte dei lavoratori in prima linea – operatori sanitari, assistenti domiciliari, lavoratori domestici, braccianti – sono donne. Come per la Terra, sono le meno stimate, sottopagate e meno protette. Operatori sanitari senza i necessari dispositivi di protezione individuale (DPI), nonostante si mettano a rischio ogni giorno, lavoratori agricoli e alimentari che forniscono il cibo sulle nostre tavole mentre non possono sfamare le proprie famiglie e la lista continua.
Ora e’ il momento per il nostro movimento e i nostri movimenti, di aprire una finestra su un mondo nuovo e rifiutare di tornare a un “normale” che non e’ mai stato giusto o funzionale per la maggior parte delle persone.
Sta a noi immaginare ed esigere questo futuro, mentre ci innalziamo collettivamente nella solidarieta’ globale e nella resistenza creativa organizzata.
Il neoliberismo ha fallito in tutto il mondo: nel prendersi cura della terra e della salute e del benessere della maggior parte degli esseri umani.
Dobbiamo immaginare un mondo in cui l’ecologia e l’economia vivano in armonia. Dove la nuova economia e’ definita dalla cura della terra e delle persone.
In questa pandemia, le persone sono bloccate, vivono nella paura e nell’incertezza e questa situazione in alcuni paesi e’ diventata un terreno fertile per i governi per controllare le persone, per limitare i diritti umani democratici, per erodere la libertĂ  di stampa, per sfruttare le persone e le risorse. Dobbiamo mobilitarci e immaginare un mondo non piu’ definito dal totalitarismo politico o religioso, dall’odio, dalla violenza contro le donne, dalla violenza sulla Terra e sulle persone, dalla tirannia, dal fascismo, dal patriarcato, dalla misoginia, dal razzismo e dal capitalismo.
Perche’ la violenza dell’odio, dell’avidita’, della separazione e della distruzione ha cronicamente disabilitato la nostra capacita’ di avere empatia: dobbiamo creare un mondo in cui la comunita’, la fiducia, la cura e l’amore siano al centro. Abbiamo bisogno di arte, poesia, musica, danza per ispirarci e risvegliarci.
Abbiamo bisogno di ri-immaginare, agire un modo nuovo di vivere che riconosca che non siamo separati dalla Terra.
Dobbiamo onorare e rispettare la natura e tutta la vita in tutte le sue forme e non prendere piu’ del necessario.
Dobbiamo costruire una solidarieta’ globale ancora piu’ forte per connetterci, in modi piu’ profondi di prima, al fine di dissolvere la gerarchia e vivere in una umanita’ universale.
Immaginare, sognare, costruire un nuovo mondo, manifestare insieme per questo nuovo mondo, questo e’ quello per cui One Billion Rising vuole battersi a livello mondiale.

* * *

Allegato secondo: Break the chain (lyrics by Tena Clark, music by Tena Clark – Tim Heintz)
[“Break the Chain”, come tutti sanno, e’ la canzone che viene ballata il 14 febbraio nel corso dell’evento “One Billion Rising”; il testo e’ di Tena Clark, la musica di Tena Clark e Tim Heintz, la coreografia e’ di Debbie Allen. Su YouTube sono naturalmente disponibili sia il video ufficiale della canzone sia i video per apprendere i passi della coreografia.
Tena Clark e’ una celebre compositrice e produttrice musicale, cfr. il sito www.tenaclark.com
Tim Heintz e’ artista, compositore, arrangiatore e produttore musicale, cfr. il sito www.timheintz.com
Debbie Allen e’ una celebre attrice, coreografa, regista e produttrice]

I rise my arms to the sky
On my knees I pray
I’m not afraid anymore
I will walk through that door
Walk, dance, rise
Walk, dance, rise
I can see a world where we all live
Safe and free from all oppression
No more rape or incest, or abuse
Women are not a possession
You’ve never owned me, don’t even know me
I’m not invisible, I’m simply wonderful
I feel my heart for the first time racing
I feel alive, I feel so amazing
I dance cause I love
Dance cause I dream
Dance cause I’ve had enough
Dance to stop the screams
Dance to break the rules
Dance to stop the pain
Dance to turn it upside down
Its time to break the chain, oh yeah
Break the Chain
Dance, rise
Dance, rise
In the middle of this madness, we will stand
I know there is a better world
Take your sisters & your brothers by the hand
Reach out to every woman & girl
This is my body, my body’s holy
No more excuses, no more abuses
We are mothers, we are teachers,
We are beautiful, beautiful creatures
I dance cause I love
Dance cause I dream
Dance cause I’ve had enough
Dance to stop the screams
Dance to break the rules
Dance to stop the pain
Dance to turn it upside down
It’s time to break the chain, oh yeah
Break the Chain, oh yeah
Break the Chain
Dance, rise
Dance, rise
Sister won’t you help me, sister won’t you rise
Sister won’t you help me, sister won’t you rise
Sister won’t you help me, sister won’t you rise
Sister won’t you help me, sister won’t you rise
Dance, rise
Dance, rise
Sister won’t you help me, sister won’t you rise
Sister won’t you help me, sister won’t you rise
Sister won’t you help me, sister won’t you rise
Sister won’t you help me, sister won’t you rise
This is my body, my body’s holy
No more excuses, no more abuses
We are mothers, we are teachers,
We are beautiful, beautiful creatures
I dance cause I love
Dance cause I dream
Dance cause I’ve had enough
Dance to stop the screams
Dance to break the rules
Dance to stop the pain
Dance to turn it upside down
Its time to break the chain, oh yeah
Break the Chain, oh yeah
Break the Chain
*
Spezza la catena (traduzione di Maria G. Di Rienzo)
[Maria G. Di Rienzo e’ una prestigiosa intellettuale femminista, saggista, giornalista, narratrice, regista teatrale e commediografa, formatrice, ha svolto rilevanti ricerche storiche sulle donne italiane per conto del Dipartimento di Storia Economica dell’Universita’ di Sydney (Australia); e’ impegnata nel movimento delle donne, nella Rete di Lilliput, in esperienze di solidarieta’ e in difesa dei diritti umani, per la pace e la nonviolenza. Tra le opere di Maria G. Di Rienzo: con Monica Lanfranco (a cura di), Donne disarmanti, Edizioni Intra Moenia, Napoli 2003; con Monica Lanfranco (a cura di), Senza velo. Donne nell’islam contro l’integralismo, Edizioni Intra Moenia, Napoli 2005; (a cura di), Voci dalla rete. Come le donne stanno cambiando il mondo, Forum, Udine 2011. Cfr. il suo blog lunanuvola.wordpress.com Un piu’ ampio profilo di Maria G. Di Rienzo in forma di intervista e’ in “Notizie minime della nonviolenza” n. 81; si veda anche l’intervista in “Telegrammi della nonviolenza in cammino” n. 250, e quella nei “Telegrammi” n. 425]

Sollevo le braccia al cielo
Prego in ginocchio
Non ho piu’ paura
Io attraversero’ quella soglia
Cammina, danza, sollevati
Cammina, danza, sollevati
Posso vedere un mondo dove tutte viviamo
sicure e libere da ogni oppressione
Non piu’ stupro, o incesto, o abuso
Le donne non sono proprieta’
Tu non mi hai mai posseduta, neppure sai chi sono
Io non sono invisibile, sono semplicemente meravigliosa
Sento il mio cuore prendere la corsa per la prima volta
Mi sento viva, mi sento straordinaria
Danzo perche’ amo
Danzo perche’ sogno
Danzo perche’ non ne posso piu’
Danzo per arrestare le grida
Danzo per rompere le regole
Danzo per fermare il dolore
Danzo per rovesciare tutto sottosopra
E’ ora di spezzare la catena, oh si’
Spezzare la catena
Danza, sollevati
Danza, sollevati
Nel mezzo di questa follia, noi ci ergeremo
Io so che c’e’ un mondo migliore
Prendi per mano le tue sorelle e i tuoi fratelli
Cerca di raggiungere ogni donna e ogni bambina
Questo e’ il mio corpo, il mio corpo e’ sacro
Basta scuse, basta abusi
Noi siamo madri, noi siamo maestre,
Noi siamo bellissime, bellissime creature
Danzo perche’ amo
Danzo perche’ sogno
Danzo perche’ non ne posso piu’
Danzo per arrestare le grida
Danzo per rompere le regole
Danzo per fermare il dolore
Danzo per rovesciare tutto sottosopra
E’ ora di spezzare la catena, oh si’
Spezzare la catena
Danza, sollevati
Danza, sollevati
Sorella, non mi aiuterai? Sorella, non ti solleverai?
Sorella, non mi aiuterai? Sorella, non ti solleverai?
Sorella, non mi aiuterai? Sorella, non ti solleverai?
Sorella, non mi aiuterai? Sorella, non ti solleverai?
Danza, sollevati
Danza, sollevati
Questo e’ il mio corpo, il mio corpo e’ sacro
Basta scuse, basta abusi
Noi siamo madri, noi siamo maestre,
Noi siamo bellissime, bellissime creature
Danzo perche’ amo
Danzo perche’ sogno
Danzo perche’ non ne posso piu’
Danzo per arrestare le grida
Danzo per rompere le regole
Danzo per fermare il dolore
Danzo per rovesciare tutto sottosopra
E’ ora di spezzare la catena, oh si’
Spezzare la catena
Spezzare la catena

* * *

Allegato terzo: Alcune minime riflessioni
I. La prima radice
La prima radice di ogni altra violenza e oppressione e’ la dominazione maschilista e patriarcale che spezza l’umanita’ in due e nega piena dignita’ e uguaglianza di diritti a meta’ del genere umano e cosi’ disumanizza l’umanita’ intera.
Solo abolendo la dominazione maschilista e patriarcale si puo’ sconfiggere la violenza che opprime, dilania, denega l’umanita’.
Solo abolendo la dominazione maschilista e patriarcale l’umanita’ puo’ essere libera e solidale.
*
II. Della nonviolenza dispiegata al sole ad asciugare

Chiamiamo nonviolenza il movimento di liberazione delle donne, e null’altro.
Chiamiamo nonviolenza la politica necessaria.
Chiamiamo nonviolenza l’occhio che vede e piange.
Chiamiamo nonviolenza la lotta per l’abolizione di tutte le guerre.
Chiamiamo nonviolenza la lotta che abroga ogni servitu’.
Chiamiamo nonviolenza questo accampamento notturno nel deserto.

Chiamiamo nonviolenza il movimento di liberazione delle donne, e null’altro.
Chiamiamo nonviolenza l’amicizia che non tradisce.
Chiamiamo nonviolenza il ponte di corda teso sull’abisso.
Chiamiamo nonviolenza la fine della paura della morte.
Chiamiamo nonviolenza la fine della minaccia della morte.
Chiamiamo nonviolenza aver visto e alba e tramonto con limpido cuore.

Chiamiamo nonviolenza il movimento di liberazione delle donne, e null’altro.
Chiamiamo nonviolenza il tappeto volante.
Chiamiamo nonviolenza il voto unanime per la salvezza degli assenti.
Chiamiamo nonviolenza il cielo stellato.
Chiamiamo nonviolenza il rispetto della vita altrui.
Chiamiamo nonviolenza il sonno dei giusti e dei giusti la veglia.

Chiamiamo nonviolenza il movimento di liberazione delle donne, e null’altro.
Chiamiamo nonviolenza il silenzio che non spaventa.
Chiamiamo nonviolenza la telefonata che ferma l’esecuzione.
Chiamiamo nonviolenza il libro che ti fa ridere e piangere.
Chiamiamo nonviolenza il viaggio senza bagagli.
Chiamiamo nonviolenza il suono dell’arcobaleno.

Chiamiamo nonviolenza il movimento di liberazione delle donne, e null’altro.
Chiamiamo nonviolenza il pasto in comune.
Chiamiamo nonviolenza il miracolo della nascita.
Chiamiamo nonviolenza la voce che risponde.
Chiamiamo nonviolenza la porta che si apre allo straniero.
Chiamiamo nonviolenza la lotta contro la violenza.

Chiamiamo nonviolenza il movimento di liberazione delle donne, e null’altro.
Chiamiamo nonviolenza il dono e la rinuncia.
Chiamiamo nonviolenza la leggerezza sui corpi.
Chiamiamo nonviolenza la parola che suscita le praterie.
Chiamiamo nonviolenza il soffio che estingue gli incendi.
Chiamiamo nonviolenza l’infinito respiro del mare.

Chiamiamo nonviolenza il movimento di liberazione delle donne, e null’altro.
Chiamiamo nonviolenza l’umanita’ come dovrebbe essere.
Chiamiamo nonviolenza la coscienza del limite.
Chiamiamo nonviolenza il ritrovamento dell’anello di Salomone.
Chiamiamo nonviolenza gl’immortali principi dell’Ottantanove.
Chiamiamo nonviolenza l’ironia e la pazienza.

Chiamiamo nonviolenza il movimento di liberazione delle donne, e null’altro.
Chiamiamo nonviolenza il riconoscimento della pluralita’ delle persone e dei mondi.
Chiamiamo nonviolenza la distruzione di tutte le armi assassine.
Chiamiamo nonviolenza non nascondere la nostra ignoranza.
Chiamiamo nonviolenza rifiutarsi di mentire.
Chiamiamo nonviolenza la scelta di fare la cosa che salva le vite.

Chiamiamo nonviolenza il movimento di liberazione delle donne, e null’altro.
Chiamiamo nonviolenza una giornata di sole sulla strada.
Chiamiamo nonviolenza la scuola di Spartaco e della Rosa Rossa.
Chiamiamo nonviolenza la certezza morale del figlio della levatrice.
Chiamiamo nonviolenza la legge nuova del figlio del falegname.
Chiamiamo nonviolenza le tre ghinee di Virginia.

Chiamiamo nonviolenza il movimento di liberazione delle donne, e null’altro.
Chiamiamo nonviolenza questo atto di riconoscimento e di riconoscenza.
Chiamiamo nonviolenza il giro della borraccia.
Chiamiamo nonviolenza questo colloquio corale.
Chiamiamo nonviolenza la Resistenza antifascista.
Chiamiamo nonviolenza l’uscita dallo stato di minorita’.

Chiamiamo nonviolenza il movimento di liberazione delle donne, e null’altro.
Chiamiamo nonviolenza parlare e ascoltare.
Chiamiamo nonviolenza la stazione sempre aperta.
Chiamiamo nonviolenza lo specchio e la sorgente.
Chiamiamo nonviolenza sentire il dolore degli altri.
Chiamiamo nonviolenza prendersi cura del mondo.

Chiamiamo nonviolenza il movimento di liberazione delle donne, e null’altro.
*
III. Dal femminismo molti doni
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza che vi e’ una sola umanita’, composta di persone tutte differenti le une dalle altre e tutte eguali in diritti.
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza che sfera personale e sfera politica non sono separate da un abisso: sempre siamo esseri umani.
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza del partire da se’.
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza dell’incontro con l’altro.
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza che e’ la nascita, l’esperienza e la categoria che fonda l’umana convivenza, l’umano sapere.
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza che la pluralita’, e quindi la relazione, e’ la modalita’ di esistenza propria dell’umanita’.
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza che i corpi contano, che noi siamo i nostro corpi.
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza che ogni forma di autoritarismo, ogni forma di militarismo, ogni forma di dogmatismo reca gia’ la negazione dei diritti umani di tutti gli esseri umani.
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza che la prima radice dell’organizzazione sociale e della trama relazionale violenta e’ nel maschilismo e nel patriarcato.
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza che solo la nonviolenza contrasta la violenza, che solo il bene vince il male, che solo l’amore si oppone alla morte, che solo l’ascolto consente la parola.
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza che compito comune e’ generare e proteggere la vita, prendersi cura delle persone e del mondo per amore delle persone e del mondo.
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza che compito comune e’ opporsi ad ogni oppressione, ad ogni sfruttamento, ad ogni ingiustizia, ad ogni umiliazione, ad ogni denegazione di umanita’, ad ogni devastazione della biosfera.
Dal femminismo tutte e tutti ricevemmo la coscienza che solo l’arte della compassione fonda la lotta di liberazione.
Il femminismo che e’ il massimo inveramento storico della nonviolenza.
Il femminismo che e’ la corrente calda della nonviolenza.
Il femminismo che e’ il cuore pulsante del movimento di autocoscienza e di liberazione dell’umanita’.
E diciamo femminismo e sappiamo che dovremmo dire femminismi, che dovremmo dire pensiero delle donne e movimenti delle donne.
Ma diciamo femminismo e pensiamo a una tradizione che lega infinite donne che hanno praticato l’etica della responsabilita’ e della liberazione, da Saffo a Vandana Shiva, da Simone Weil a Virginia Woolf, da Edith Stein a Milena Jesenska, da Etty Hillesum a Ginetta Sagan, da Rosa Luxemburg ad Hannah Arendt, da Germaine Tillion ad Anna Politkovskaja, da Simone de Beauvoir a Franca Ongaro Basaglia, da Olympe de Gouges a Luce Fabbri.
Dal femminismo molti doni tutte e tutti abbiamo ricevuto.
In questo otto marzo di ascolto, di memoria, di lotta, diciamo anche la nostra gratitudine.
*
IV. L’ideologia dello stupro
E’ insegnata a tutti i maschi. Il suo decalogo dice:
1. Gli uomini sono i padroni del mondo, le donne sono le loro schiave.
2. Una donna e’ un bene patrimoniale: animale, macchina e merce; non e’ una persona, non e’ titolare di diritti.
3. Ogni donna ti appartiene, se si ribella uccidila.
4. Una donna che pensa e’ un pericolo per la societa’, uccidila.
5. Se una donna vuole la dignitas e l’auctoritas che ineriscono all’essere umano, uccidila.
6. Il fallo e’ un’arma, e’ l’arma che fa l’uomo.
7. L’intero corpo dell’uomo e’ un’arma. L’intero corpo della donna e’ un bersaglio.
8. Essere nati da donna e’ il segreto, la vergogna innominabile. Tutte le donne devono pagare questo affronto. Nessuna vendetta e’ abbastanza crudele.
9. Cio’ che l’uomo fa a una donna, deve farlo al mondo universo: possedere, violentare, distruggere.
10. Queste leggi non devono essere rivelate. Sono il segreto della societa’ dei maschi.
L’ideologia militarista, l’ideologia razzista, tutte le ideologie della violenza sono estensioni dell’ideologia maschilista, o dello stupro.
Il maschilismo e’ infatti la prima radice e il primo paradigma di ogni violenza. Solo abbattendo l’intera ideologia e tutte le prassi del maschilismo l’umanita’ potra’ conoscere la pace, la solidarieta’, la felicita’.
Ogni maschio che voglia diventare una persona decente deve lottare contro il fascista che e’ in lui, il fascista che gli ha inoculato una educazione all’ideologia dello stupro che viene trasmessa da tutte – tutte – le agenzie della formazione e della socializzazione.
Non solo opere infami trasmettono l’ideologia dello stupro: la trasmettono quasi tutte le opere della cultura umana prodotte dalla e nella societa’ del dominio maschile; compresi capolavori dell’arte e del pensiero che per altri aspetti ammiriamo.
Il primo compito della nonviolenza e’ sconfiggere il maschilismo, sconficcarlo dal cuore degli uomini e della societa’.
La prima e l’unica decisiva esperienza storica della nonviolenza e’ il movimento di liberazione delle donne.
Il movimento di liberazione delle donne e’ la corrente calda della nonviolenza in cammino.
Ogni discorso che non riconosce l’eguaglianza di dignita’ e diritti di tutti gli esseri umani, e’ gia’ il fascismo.
Ogni struttura che spacca in due l’umanita’ tra una parte dominatrice e una parte dominata, e’ gia’ il fascismo.
Ogni relazione tra esseri umani che implica un rapporto di forza, di proprieta’, di potere, e’ gia’ il fascismo.
Chiamiamo fascismo il metodo di organizzazione e di azione, il sistema concettuale e sociale, la struttura e la prassi politica – e dell’economia politica come della psicologia dinamica -, che ha come suo perno il maschilismo. Che ha come suo fine e idealtipo l’ordine dei Lager. E che e’ incompatibile con l’umanita’.
In quanto riduce l’umanita’ a un universo di vittime e di carnefici, l’ideologia dello stupro e’ il primo nemico dell’umanita’.
In quanto si nutre esclusivamente della sofferenza – subita ed inflitta – degli esseri umani, l’ideologia dello stupro e’ il primo nemico dell’umanita’.
La prima lotta che l’umanita’ deve condurre con piena coscienza della posta in gioco – la liberazione comune o la piu’ orribile delle sorti – e’ la lotta nonviolenta per abolire il maschilismo e l’intero suo portato.
Chiamiamo amore il riconoscimento dell’altrui dignita’, dell’altrui umanita’.
Chiamiamo amore la lotta comune contro la morte, e contro quell’irrogazione parcellizzata della morte di cui consiste ogni rapporto di dominazione.
Chiamiamo amore la capacita’ delle donne di generare l’umanita’, di mettere al mondo il mondo; e la capacita’ degli uomini di accettarla come bene comune, di riconoscerne il valore, di non provarne invidia e rancore.
Chiamiamo amore la lotta contro la violenza.
La nonviolenza e’ la forza dell’amore, la forza della verita’.
E’ oggi che dobbiamo sconfiggere l’ideologia e la prassi dello stupro.
E’ oggi che dobbiamo abolire il maschilismo e il patriarcato.
Solo abolendo il maschilismo aboliremo la guerra e il militarismo, il razzismo e ogni mafia, la schiavitu’ e la distruzione della biosfera.
Solo abolendo il maschilismo usciremo dalla preistoria dell’umanita’.
*
V. L’osceno segreto dei maschi
Non so da quante migliaia di anni veniamo educati all’idea che uccidere e’ un bene.
Non so da quante migliaia di anni veniamo educati all’idea che tutte le donne sono preda.
Non so da quante migliaia di anni veniamo educati all’idea che la bellezza merita di essere distrutta.
Non so da quante migliaia di anni veniamo educati all’idea che l’unica legge che conta e’ quella del pater familias.
So che l’ideologia maschilista e’ la prima radice e il primo paradigma di ogni violenza.
So che se non si sconfigge il maschilismo l’umanita’ non diventera’ mai umana.
*
VI. L’anno del Circeo. Cinque tesi
1. Mi ricordo
Mi ricordo di quando nei processi per stupro l’intera societa’ dei maschi metteva sotto accusa la vittima.
Mi ricordo del tempo in cui quella violenza contro le donne era considerata nel codice penale un reato “contro la stirpe” e non contro una persona, e la donna vittima di violenza non era considerata persona, ma carne, e quella violenza la si chiamava “violenza carnale”.
Mi ricordo l’anno del Circeo, chi ha la mia eta’ non puo’ dimenticare.
Da allora sono invecchiato di mezzo secolo, e mi sembra che quei tempi non siano ancora finiti, non sia ancora abolito quell’orrore.
Da allora sono invecchiato di mezzo secolo, e so che la lotta fondamentale e decisiva per la liberazione dell’umanita’ e’ quella del movimento delle donne.
2. Da quale parte della barricata
Le donne che denunciano le violenze subite da uomini, e massime da uomini potenti, da uomini che hanno il potere di decidere della loro vita, sanno che denunciare quelle violenze e questo potere – questo violento sistema di potere – significa esporsi a nuove violenze. Sanno che la dittatura dei maschi usera’ ogni mezzo per vendicarsi. Sanno che gli schiavisti non ammettono che le vittime possano ribellarsi, e con tutta la loro forza cercheranno di schiacciarle. Eppure queste donne denunciano i loro carnefici. C’e’ una parola per questo: coraggio.
So quale e’ la mia parte della barricata: per quel poco che conta la mia persona, sono dalla parte di queste donne senza esitazioni. So che la loro denuncia, la loro lotta, non riguarda solo loro, riguarda l’umanita’ intera. Riguarda anche la mia dignita’, la mia liberta’. So che chi non si schiera con loro, si schiera con la dittatura fascista dei maschi. Sono un uomo, non sono un fascista. So quale e’ la mia parte della barricata: per quel poco che conta la mia persona, sono dalla parte di queste donne senza esitazioni.
3. Nessun sofisma
Nessun sofisma puo’ occultare il fatto che una violenza e’ una violenza. Che quella violenza sia la regola dei rapporti sociali significa solo che occorre abolire quella violenza e rovesciare i rapporti sociali su quella regola fondati.
Le donne che oggi smascherano la ferocia del dominio maschilista e patriarcale chiamano l’umanita’ intera a fondare un’altra societa’, la societa’ dell’eguaglianza di diritti, la societa’ del riconoscimento della dignita’ di ogni persona, la societa’ in cui la diversita’ di ogni persona sia riconosciuta come un dono prezioso e valorizzata in una trama di relazioni tra eguali in diritti, persone eguali proprio perche’ diverse, che si riconoscono diverse ed eguali: una e plurale e’ l’umanita’.
4. La prima radice
So che il dominio maschilista e patriarcale e’ la prima radice e il primo paradigma di ogni violenza: so che non si potra’ sconfiggere il modo di produzione che aliena e schiavizza le persone e le sacrifica al feticcio dell’accumulazione del potere, del prestigio, dei beni e del capitale se non si sconfigge il dominio maschilista e patriarcale; so che non si potra’ impedire l’irreversibile devastazione e desertificazione della biosfera se non si sconfigge il dominio maschilista e patriarcale; so che non si cancellera’ l’obbrobrio delle dittature, delle guerre e del militarismo – ridurre degli esseri umani ad utensili per uccidere degli esseri umani – se non si sconfigge il dominio maschilista e patriarcale; so che non si realizzera’ il disarmo – nel tempo in cui le armi possono distruggere per sempre la civilta’ umana – se non si sconfigge il dominio maschilista e patriarcale. So che non vi sara’ una societa’ libera e solidale, responsabile e accudente, sobria e armoniosa, se non si sconfigge il dominio maschilista e patriarcale.
Il dominio maschilista e patriarcale e’ la prima radice e il primo paradigma di ogni violenza: chi non lo vede, e’ cieco.
5. Queste parole
Scrivo queste parole che penso dovrebbero essere ovvie. Le scrivo per dichiarare la mia opposizione a due barbarie: la barbarie della violenza maschile, e la barbarie della criminalizzazione delle vittime della violenza maschile. Le scrivo perche’ nessuno e’ fuori della mischia. Le scrivo perche’ credo che in questa lotta che le donne oggi stanno conducendo e’ anche il senso – e quindi il valore – di tutto il mio agire di militante del movimento delle oppresse e degli oppressi in lotta per la liberazione dell’umanita’, di persona amica della nonviolenza, di uomo che non vuole essere complice del fascismo.
*
VII. 25 novembre
Nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne diciamo alcune semplici verita’.
Che sono le donne che mettono al mondo l’umanita’.
Che il gioco della guerra e’ una follia dei maschi.
Che e’ una follia dei maschi la brama di possesso, di potere, di rapina ed accumulazione, e la volonta’ di avvelenare, devastare e distruggere tutto cio’ che non si puo’ rapire, asservire, possedere.
Che la stessa violenza che i maschi esercitano sulle donne la esercitano sull’intero mondo vivente.
Che la violenza maschile sta mettendo in pericolo l’esistenza stessa dell’umanita’ e del mondo vivente.
Che il movimento di liberazione delle donne si oppone a tutte le violenze.
Che il movimento di liberazione delle donne e’ rivolgimento accudente e amoroso verso l’intero mondo vivente.
Che il movimento di liberazione delle donne libera l’umanita’ intera.
*
VIII. Breve litania della nonviolenza

La nonviolenza non e’ la luna nel pozzo.
La nonviolenza non e’ la pappa nel piatto.
La nonviolenza non e’ il galateo del pappagallo.
La nonviolenza e’ la lotta contro la violenza.

La nonviolenza non e’ la ciancia dei rassegnati.
La nonviolenza non e’ il bignami degli ignoranti.
La nonviolenza non e’ il giocattolo degli intellettuali.
La nonviolenza e’ la lotta contro la violenza.

La nonviolenza non e’ il cappotto di Gogol.
La nonviolenza non e’ il cavallo a dondolo dei generali falliti.
La nonviolenza non e’ la Danimarca senza il marcio.
La nonviolenza e’ la lotta contro la violenza.

La nonviolenza non e’ l’ascensore senza bottoni.
La nonviolenza non e’ il colpo di carambola.
La nonviolenza non e’ l’applauso alla fine dell’atto terzo.
La nonviolenza e’ la lotta contro la violenza.

La nonviolenza non e’ il museo dell’esotismo.
La nonviolenza non e’ il salotto dei perdigiorno.
La nonviolenza non e’ il barbiere di Siviglia.
La nonviolenza e’ la lotta contro la violenza.

La nonviolenza non e’ la spiritosaggine degli impotenti.
La nonviolenza non e’ la sala dei professori.
La nonviolenza non e’ il capello senza diavoli.
La nonviolenza e’ la lotta contro la violenza.

La nonviolenza non e’ il ricettario di Mamma Oca.
La nonviolenza non e’ l’albero senza serpente.
La nonviolenza non e’ il piagnisteo di chi si e’ arreso.
La nonviolenza e’ la lotta contro la violenza.

La nonviolenza non e’ la quiete dopo la tempesta.
La nonviolenza non e’ il bicchiere della staffa.
La nonviolenza non e’ il vestito di gala.
La nonviolenza e’ la lotta contro la violenza.

La nonviolenza non e’ il sapone con gli gnocchi.
La nonviolenza non e’ il film al rallentatore.
La nonviolenza non e’ il semaforo sempre verde.
La nonviolenza e’ la lotta contro la violenza.

La nonviolenza non e’ il jolly pescato nel mazzo.
La nonviolenza non e’ il buco senza la rete.
La nonviolenza non e’ il fiume dove ti bagni due volte.
La nonviolenza e’ la lotta contro la violenza.

La nonviolenza non e’ l’abracadabra degli stenterelli.
La nonviolenza non e’ il cilindro estratto dal coniglio.
La nonviolenza non e’ il coro delle mummie del gabinetto.
La nonviolenza e’ la lotta contro la violenza.

La nonviolenza non e’ niente che si veda in televisione.
La nonviolenza non e’ niente che si insegni dalle cattedre.
La nonviolenza non e’ niente che si serva al bar.
La nonviolenza e’ solo la lotta contro la violenza.
*
IX. Di terracotta e di fibre intrecciate alcuni semplici camminati masticati pensieri
1. La catastrofe
La societa’ umana fondata sul dominio di un genere sull’altro mi sembra ormai giunta alla sua catastrofe.
La societa’ umana fondata sullo sfruttamento illimitato della limitata natura mi sembra ormai giunta alla sua catastrofe.
La societa’ umana fondata sulla violenza come primo e supremo regolatore dei conflitti mi sembra ormai giunta alla sua catastrofe.
2. La cooperazione
Solo riconoscendo che siamo un’unica umanita’ in un unico mondo vivente possiamo salvarci.
Solo riconoscendo che in quanto umanita’ non siamo altra cosa dal mondo vivente, ma ne siamo insieme parte e custodi, possiamo salvarci.
Solo riconoscendo che occorre porre a fondamento del nostro agire la solidarieta’, la responsabilita’ e la condivisione possiamo salvarci.
3. La storia come storia della resistenza e della liberazione
Di tutti i movimenti storici che si sono adoperati in pro dell’umanita’ intera solo il movimento di liberazione delle donne ha sempre lottato contro il dominio di una parte dell’umanita’ su un’altra.
Di tutti i movimenti storici che si sono adoperati in pro dell’umanita’ intera solo il movimento di liberazione delle donne ha sempre lottato in difesa del mondo vivente, ha sempre agito per affermare la vita e non per imporre la morte.
Di tutti i movimenti storici che si sono adoperati in pro dell’umanita’ intera solo il movimento di liberazione delle donne ha sempre lottato contro la violenza.
4. La politica prima
Giunti a questo crinale apocalittico si disvela che solo la scelta nitida e intransigente della nonviolenza puo’ salvare l’umanita’.
La nonviolenza che e’ femminista, ecologista, socialista e libertaria, poiche’ afferma la diversita’, la dignita’ e la liberta’ di ogni persona, l’eguaglianza di diritti di tutte, il rispetto per la vita e per ogni vita, il dovere del recare aiuto e del condividere il bene ed i beni.
La nonviolenza che e’ femminista, ecologista, socialista e libertaria, poiche’ serba memoria di tutte le vittime, a tutte le vittime presta soccorso, lotta affinche’ non vi siano mai piu’ vittime.
5. Hic et nunc
Salvare le vite.
Soccorrere, accogliere, assistere ogni persona bisognosa di aiuto.
Opporsi alla guerra e a tutte le uccisioni, opporsi al razzismo e a tutte le persecuzioni, oppporsi al maschilismo e a tutte le oppressioni.
6. L’otto marzo
L’otto marzo e’ il giorno in cui l’umanita’ fa memoria della presa di coscienza da parte di tutte le oppresse e tutti gli oppressi del fatto cruciale che la violenza maschile e’ la prima radice e il primo paradigma di tutte le violenze, e che quindi solo abolendo la violenza maschile l’umanita’ potra’ essere libera, solidale, responsabile, felice.
L’otto marzo e’ il giorno in cui tutte le oppresse e tutti gli oppressi fanno appello a tutte le persone senzienti e pensanti – e quindi all’umanita’ intera – affinche’ sia contrastata ed abolita la violenza maschile, e l’umanita’ possa finalmente essere umana.
L’otto marzo e’ il giorno di lotta che convoca a lottare ogni giorno contro ogni oppressione per la comune liberazione, l’otto marzo e’ il giorno di festa che prefigura la liberazione comune, la convivenza che invera l’umanita’ dell’umanita’, la vittoria della nonviolenza sulla violenza.
7. Clara, Rosa e le altre
A Clara Zetkin, a Rosa Luxemburg e a tutte le altre la nostra gratitudine.
A tutte le donne che lottando contro il maschilismo hanno lottato, lottano e lotteranno per la liberazione dell’umanita’ intera la nostra gratitudine.
Ed anche a tutti gli uomini che hanno saputo, sanno e sapranno porsi all’ascolto, alla scuola e alla sequela del movimento di liberazione delle donne la nostra gratitudine.
8. Il pane e le rose
Con voce e con volto di donna la nonviolenza e’ in cammino.
Con voce e con volto di donna la nonviolenza e’ il cammino.
Il pane e le rose, un solo mondo vivente, una sola umanita’.
9. Il miracolo
Mettere al mondo il mondo. Tenere acceso il fuoco nella notte. Condividere il pane e la casa. Ascoltare e parlare. Prendersi cura.
Sapere di essere l’altra persona di ogni altra persona. Agisci verso le altre persone cosi’ come vorresti che le altre persone agissero verso di te.
Sii tu l’umanita’ come dovrebbe essere. Chi salva una vita salva il mondo. Compilo tu il miracolo del bene.
10. Ogni giorno
La nonviolenza sei tu quando ti opponi alla violenza. La nonviolenza sei tu quando fai la cosa giusta. La nonviolenza sei tu quando aiuti chi soffre. Ogni giorno e’ l’otto marzo.
Nessuna illusione, nessuna menzogna, nessuna vilta’. Riconoscimento, riconoscenza, misericordia. Ogni giorno e’ l’otto marzo.
La violenza maschile, l’ideologia maschilista, il sistema di potere maschile, l’onnidistruttiva oppressione maschile che lacera, mutila, dimidia e strazia l’umanita’ intera e devasta e avvelena e distrugge l’intero mondo vivente puo’ e deve essere contrastata e sconfitta. L’umanita’ puo’ essere libera e solidale: per questo lotta il movimento di liberazione delle donne, per questo lotta ogni persona di volonta’ buona. Ogni giorno e’ l’otto marzo.

* * *

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento