Infanzia. Corrao: “Risoluzione UE contro la sottrazione minori in Giappone è passo importante”

Logo Parlamento Europeo

Palermo 16 giugno 2020 – “Oggi in Commissione PETI del Parlamento europeo è stato compiuto un passo fondamentale contro la sottrazione di minori in Giappone. Sono soddisfatto che sia passata la linea che abbiamo proposto durante l’audizione. Adesso priorità a questo tema nelle prossime riunioni con le autorità giapponesi, incluso nel quadro dell’EU-JAPAN SPA, ovvero l’accordo di partenariato strategico tra Ue e Giappone”.

A dichiararlo è l’eurodeputato siciliano Ignazio Corrao al termine della votazione della Risoluzione su “EU child abduction in Japan”, del Parlamento Europeo che ora approderà alla prossima riunione Plenaria del PE per la sua adozione definitiva.

“In Giappone – spiega Corrao – manca un sistema che tuteli adeguatamente il benessere e i diritti fondamentali dei minori bi-nazionali e dei genitori non giapponesi, tra i quali molti europei e di questi molti italiani. Se un genitore giapponese si rende artefice di sottrazione di minore, privando di qualsiasi contatto il minore con l’altro genitore, non c’è alcuna possibilità concreta di giungere alla tutela dei diritti del genitore che ne è vittima”.

“La cosa sbalorditiva – continua Corrao – è che le autorità giapponesi sono state finora sorde ad ogni richiesta di rispettare gli obblighi internazionali, modificando norme interne e condotte che pregiudicano gravemente sia il benessere dei minori coinvolti che i genitori non giapponesi. Per questo è stato per me un dovere morale rappresentare nelle Istituzioni europee le istanze di padri come Tommaso Perina e Vincent Fichot, condividendo appieno il dolore e la rabbia che questi papà provano”.

“A mio parere, tuttavia, si è persa comunque l’occasione di richiedere esplicitamente la sospensione della partnership tra UE e Giappone in caso di perdurante assenza di miglioramenti su tale gravissima violazione da parte delle autorità giapponesi” – conclude Corrao.

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento