“LE VITE DI TUTTI GLI ESSERI UMANI HANNO VALORE. SALVARE LE VITE E’ IL PRIMO DOVERE”. UN APPELLO

Peppe Sini

L’uccisione di George Floyd e le altre analoghe che in questi giorni stanno suscitando una vasta commozione e una profonda presa di coscienza in tutto il mondo evidenziano quanto ancora la violenza razzista, e la violenza tout court, sia presente anche negli organi istituzionali il cui fine dovrebbe essere la protezione della vita e dei diritti delle persone.

Non basta che gli assassini siano processati e condannati, occorre un cambiamento reale della cultura e delle prassi di quegli organi istituzionali, affinche’ tutti gli appartenenti ad essi rispettino le leggi e i diritti umani di tutti gli esseri umani.

Occorre che tutte le persone appartenenti alle forze dell’ordine in tutti i paesi del mondo siano formate alla conoscenza e all’uso delle risorse della nonviolenza.

Chiunque abbia studiato seriamente le dinamiche conflittuali, i meccanismi dell’escalation della violenza, cosi’ come la storia delle grandi lotte dell’umanita’ contro i poteri criminali, sa che le risorse della nonviolenza costituiscono la strumentazione cognitiva, interpretativa, deliberativa ed operativa piu’ efficace, e l’unica realmente adeguata, per contrastare la violenza e il crimine, per sconfiggere le ideologie e le prassi che conculcano i diritti, negano la dignita’ e giungono fino a strappare la vita agli esseri umani.

Da quando Gandhi diede inizio alla teoria e alla pratica della nonviolenza pienamente consapevole e rigorosamente argomentata ed articolata (naturalmente evidenziando come essa fosse “antica come le montagne”, ovvero come tutte le grandi tradizioni di pensiero e azione liberatrici e solidali dell’umanita’ ne recassero in misura piu’ o meno ampia ed esplicita elementi fondamentali), le esperienze storiche e l’elaborazione scientifica della nonviolenza si sono accresciute ed approfondite, si sono estese e sono progredite a tal punto che ormai ogni studioso (e vorremmo dire anche: ogni persona) che ad esse si sia accostato riconosce esplicitamente che la nonviolenza e’ lo strumento migliore di cui l’umanita’ disponga per opporsi alla violenza omicida, per opporsi alla barbarie onnidistruttiva.

Proprio perche’ le forze dell’ordine per la loro specifica funzione operano sovente in contesti critici e conflittuali, in situazioni di pericolo e di violenza, occorre che tutti gli appartenenti ad esse siano adeguatamente formati alla conoscenza e all’uso delle risorse della nonviolenza: poiche’ essa puo’ essere loro di grande aiuto nel compito di proteggere e salvare le vite proprie ed altrui.

*
Da vent’anni in Italia in merito non solo e’ stato avviata una riflessione e promosso un dibattito che ha dato luogo a ricerche, convegni e pubblicazioni; non solo sono state svolte piu’ esperienze locali di formazione delle forze dell’ordine alla nonviolenza; ma sono state prodotte anche varie proposte di legge a piu’ riprese presentate da decine di parlamentari di diversi schieramenti politici: ma queste proposte di legge purtroppo ancora non sono mai state discusse nelle competenti commissioni parlamentari e non sono quindi mai giunte nelle aule legislative.

L’Italia puo’ dare un contributo di civilta’ e indicare una via al mondo intero legiferando l’istituzione della formazione delle forze dell’ordine alla conoscenza e all’uso delle risorse della nonviolenza.
E’ tempo di farlo: poiche’ le vite di tutti gli esseri umani hanno valore; perche’ salvare le vite e’ il primo dovere.

Chiediamo a tutti i destinatari di questo nostro appello di diffonderlo ulteriormente e di premere nonviolentemente sul parlamento italiano affinche’ si giunga finalmente a una legge che istituisca la formazione delle forze dell’ordine alla conoscenza e all’uso delle risorse della nonviolenza.

*

Alleghiamo in calce due comunicati del 2016 e del 2001.
Segnaliamo che un’ampia documentazione in merito puo’ essere richiesta al nostro indirizzo e-mail: centropacevt@gmail.com
Abbiamo bisogno del vostro aiuto, vi preghiamo di diffondere questo testo.
Ogni vittima ha il volto di Abele.
Le vite di tutti gli esseri umani hanno valore.
Salvare le vite e’ il primo dovere.
Solo la nonviolenza puo’ salvare l’umanita’ dalla catastrofe.

Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

Viterbo, 14 giugno 2020

Mittente: “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: centropacevt@gmail.com
Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo e’ una struttura nonviolenta attiva dagli anni ’70 del secolo scorso che ha sostenuto, promosso e coordinato varie campagne per il bene comune, locali, nazionali ed internazionali. E’ la struttura nonviolenta che oltre trent’anni fa ha coordinato per l’Italia la piu’ ampia campagna di solidarieta’ con Nelson Mandela, allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano. Nel 1987 ha promosso il primo convegno nazionale di studi dedicato a Primo Levi. Dal 2000 pubblica il notiziario telematico quotidiano “La nonviolenza e’ in cammino” che e’ possibile ricevere gratuitamente abbonandosi attraverso il sito www.peacelink.it

 

Allegato primo: un appello ai parlamentari per la discussione in Commissione dei vari disegni di legge per la formazione alla nonviolenza delle forze dell’ordine (2016)
Gentili senatori e senatrici,
Gentili deputate e deputati,
come gia’ saprete, dal 2014 sono state presentati sia al Senato che alla Camera vari disegni di legge che propongono la formazione delle forze dell’ordine alla conoscenza e all’uso delle risorse della nonviolenza.
Al Senato il disegno di legge n. 1515 recante “Norme di principio e di indirizzo per l’istruzione, la formazione e l’aggiornamento del personale delle Forze di polizia” presentato in data 10 giugno 2014 ed annunciato nella seduta pomeridiana n. 258 del 10 giugno 2014; il disegno di legge n. 1526 recante “Norme per l’inclusione della conoscenza e dell’addestramento all’uso delle risorse della nonviolenza nell’ambito dei percorsi didattici per l’istruzione, la formazione e l’aggiornamento del personale delle forze di polizia” presentato in data 16 giugno 2014 ed annunciato nella seduta pomeridiana n. 263 del 17 giugno 2014; il disegno di legge n. 1565 recante “Norme per l’inclusione della nonviolenza nei percorsi formativi del personale delle forze di polizia” presentato in data 14 luglio 2014 ed annunciato nella seduta pomeridiana n. 279 del 15 luglio 2014; disegni di legge sottoscritti da numerosi senatori di varie forze politiche: Loredana De Petris, Luigi Manconi, Rita Ghedini, Valeria Fedeli, Paolo Corsini, Silvana Amati, Sergio Lo Giudice, Daniela Valentini, Rosa Maria Di Giorgi, Miguel Gotor, Elena Ferrara, Marco Scibona, Adele Gambaro, Marino Germano Mastrangeli, Daniele Gaetano Borioli, Maria Spilabotte, Erica D’Adda, Monica Cirinna’, Manuela Serra, Francesca Puglisi, Pasquale Sollo, Francesco Giacobbe.
Ed alla Camera il disegno di legge recante “Norme per l’inclusione della conoscenza e dell’addestramento all’uso delle risorse della nonviolenza nell’ambito dei percorsi didattici per l’istruzione, la formazione e l’aggiornamento del personale delle Forze di polizia” (atto Camera 2698) presentato il 4 novembre 2014; e il disegno di legge recante “Norme di principio e di indirizzo per l’istruzione, la formazione e l’aggiornamento del personale delle Forze di polizia” (atto Camera 2706) presentato il 5 novembre 2014; disegni di legge sottoscritti da deputati di varie forze politiche: Arturo Scotto, Celeste Costantino, Donatella Duranti, Giulio Marcon, Michele Piras, Stefano Quaranta, Massimiliano Bernini.
Ricorderete anche che gia’ nel 2001 fu presentato al medesimo fine di istituire la formazione delle forze dell’ordine alla conoscenza e all’uso delle risorse della nonviolenza un disegno di legge sottoscritto da decine di senatori di tutte le forze politiche (ed in particolare i senatori Occhetto, Acciarini, Baratella, Battafarano, Battaglia, Bonfietti, Boco, Calvi, Chiusoli, Cortiana, Coviello, Crema, Dalla Chiesa, D’Ambrosio, Dato, De Paoli, De Petris, De Zulueta, Donati, Falomi, Fassone, Filippini, Formisano, Liguori, Longhi, Malabarba, Marini, Martone, Murineddu, Pascarella, Petruccioli, Ripamonti, Salvi, Tessitore, Turroni, Veraldi, Vicini, Viserta, Zancan), sostenuto anche dall’attenzione e dall’apprezzamento di deputati e parlamentari europei (tra cui i deputati: Bandoli, Bimbi, Bolognesi, Cento, Cima, Deiana, De Simone, Grandi, Grillini, Luca’, Lucidi, Panattoni, Pecoraro Scanio, Pinotti, Pisapia, Preda, Realacci, Rognoni, Russo Spena, Ruzzante, Siniscalchi, Tolotti, Valpiana, Violante; tra i parlamentari europei: Imbeni, Di Lello, Fava, Morgantini e Pittella); ma allora quel disegno di legge non giunse ad essere esaminato nelle competenti Commissioni parlamentari.
Vi segnaliamo anche che vari altri senatori e deputati hanno espresso il loro sostegno all’iniziativa legislativa per la formazione delle forze dell’ordine alla conoscenza e all’uso delle risorse della nonviolenza; e che, sempre nel 2014, la stessa Presidente della Camera dei Deputati, on. Laura Boldrini, trasmise alla competente Commissione Parlamentare, “affinche’ i deputati che ne fanno parte possano prenderne visione”, la documentazione a tal fine predisposta dal “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” che dal 2000 ha proposto al Parlamento di legiferare in tal senso.
*
Gentili senatori e senatrici,
Gentili deputate e deputati,
non vi e’ bisogno di ripetere ancora una volta quanto sia opportuno che nel proprio percorso formativo e conseguentemente nella propria operativita’ gli appartenenti alle forze dell’ordine possano disporre anche delle straordinarie risorse che la nonviolenza mette a disposizione di tutti gli attori sociali impegnati in situazione critiche per la sicurezza comune e la difesa dei diritti di tutti.
*
Gentili senatori e senatrici,
Gentili deputate e deputati,
con questa lettera vorremmo sollecitare il vostro personale impegno affinche’ quei disegni di legge giungano al piu’ presto all’esame delle competenti Commissioni parlamentari e possano avere esito in un disegno di legge unificato ampiamente meditato e condiviso che possa divenire nel piu’ breve tempo possibile legge dello stato.
*
Restando a disposizione per ogni opportuno chiarimento ed approfondimento, e per ogni esigenza di documentazione, vogliate gradire distinti saluti,
Peppe Sini, responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani”
Viterbo, 28 aprile 2016

 

Allegato secondo: una conferenza stampa del 6 dicembre 2001 al Senato della Repubblica
Si e’ svolta oggi la conferenza stampa di presentazione della proposta di legge per la formazione delle forze dell’ordine alla nonviolenza.
Si e’ svolta oggi, giovedi’ 6 dicembre 2001, presso la Sala Rossa del Senato della Repubblica a Roma, la conferenza stampa di presentazione pubblica della proposta di legge recante “Norme di principio e di indirizzo per l’istruzione, la formazione e l’aggiornamento delle forze di polizia” che ha come primo firmatario il senatore Achille Occhetto ed e’ stata sottoscritta da vari parlamentari di diverse forze politiche; e’ la proposta di legge che prevede la formazione e l’addestramento delle forze dell’ordine alla conoscenza e all’uso dei valori, delle tecniche e delle strategie della nonviolenza.
*
Resoconto della conferenza stampa
La conferenza stampa e’ stata presieduta dal senatore Cesare Salvi, vicepresidente del Senato della Repubblica.
Il senatore Achille Occhetto ha illustrato la proposta di legge, ricostruendone le motivazioni ed analizzando il contesto attuale.
Il senatore Guido Calvi ha definito la proposta di legge come un atto di civilta’ ed ha evidenziato come essa affermi il principio della legalita’.
Il regista Citto Maselli e’ intervenuto anche a nome degli altri registi cinematografici presenti (tra cui alcuni veri e propri monumenti viventi della cultura italiana come Mario Monicelli e Gillo Pontecorvo).
Il responsabile del “Centro di ricerca per la pace” di Viterbo Peppe Sini ha ricostruito la genesi della proposta, il coinvolgimento nella elaborazione e discussione preliminare di tante associazioni (in primo luogo numerose associazioni sindacali e culturali delle forze di polizia), istituzioni, movimenti nonviolenti, e di illustri studiosi di fama internazionale. Una proposta di legge “per” e non “contro”; una proposta di legge utile alle forze dell’ordine, utile alla legalita’, utile alla sicurezza pubblica ed al rispetto e alla promozione dei diritti umani.
Il senatore Francesco Martone ha inquadrato l’iniziativa nell’ambito di un piu’ ampio impegno per la democrazia e la legalita’.
Il senatore Luigi Malabarba ha analizzato l’importanza dell’iniziativa anche in relazione a rilevanti vicende politiche, sociali e culturali odierne.
Il senatore Vittorio Parola, una figura tra le piu’ qualificate dell’impegno democratico e della societa’ civile, ha sottolineato l’importanza della scelta della nonviolenza come risorsa per la societa’.
La conferenza stampa e’ stata un’occasione di riflessione particolarmente rilevante; la partecipazione e’ stata ampia ed assai qualificata.
Tra i presenti alla conferenza segnaliamo anche la senatrice Tana De Zulueta ed altri parlamentari; una figura storica del movimento sindacale di polizia come il dottor Delfino Santaniello; l’onorevole Franco Grillini, una delle figure piu’ rilevanti della societa’ civile; il sociologo Maurizio Fiasco, profondo studioso dei temi della sicurezza pubblica; personalita’ della cultura come i registi cinematografici Mario Monicelli, Gillo Pontecorvo, Daniele Segre.
Alla conferenza sono pervenuti messaggi di saluto da parte di illustri studiosi e rappresentanti della cultura e dell’impegno nonviolento, come il professor Alberto L’Abate, il peace-researcher Giovanni Scotto, il direttore di “Azione Nonviolenta” Mao Valpiana.
*
Una riflessione del responsabile del “Centro di ricerca per la pace” di Viterbo
Il responsabile del “Centro di ricerca per la pace” di Viterbo (la struttura pacifista nonviolenta che da oltre un anno ha promosso l’iniziativa), commentando la presentazione della proposta di legge, ha sottolineato che la nonviolenza e’ una grande risorsa per la democrazia, la legalita’, i diritti umani; ed oggi piu’ che mai vi e’ bisogno dell’impegno di tutti in difesa ed a promozione della legalita’, della democrazia, dei diritti umani.
Sini ha inoltre evidenziato come la proposta di legge vuole mettere a disposizione di tutto il personale delle forze dell’ordine i valori e gli strumenti teorici e pratici della nonviolenza; proprio perche’ le forze dell’ordine svolgono una funzione decisiva di difesa della sicurezza pubblica, di tutela della legalita’, di garanzia del rispetto dei diritti di tutte le persone, cosi’ come prevede l’ordinamento vigente, e’ utile e necessario che possano disporre di una formazione che permetta di avvalersi delle grandi risorse della nonviolenza sul piano formativo, comunicativo, relazionale ed operativo.
Il responsabile della struttura pacifista promotrice dell’iniziativa auspica che alla proposta di legge si associno tutti i parlamentari di qualunque schieramento politico che vogliano essere fedeli al dettato costituzionale, ed impegnarsi per la legalita’, la democrazia e la difesa e promozione della sicurezza pubblica e dei diritti umani.
Peppe Sini segnala altresi’ come gia’ alcune istituzioni abbiano iniziato con i propri corpi di polizia locale la sperimentazione della formazione alla nonviolenza: ad esempio il Comune di Milano, che prevede la formazione alla nonviolenza dei vigili urbani, con la supervisione della professoressa Marianella Sclavi.
Il “Centro di ricerca per la pace” di Viterbo ha promosso anche un appello a tutti gli enti locali affinche’ sostengano la proposta di legge e realizzino la formazione alla nonviolenza dei corpi di polizia locale (ad esempio i corpi di polizia municipale).

FINE

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento