“Giardino degli angeli – in memoria di Francesco Filippo e Raniero”

Francesco e Raniero Messina

di Massimo Rizzo

IL GIARDINO DEGLI ANGELI

Oggi ricorre il secondo anniversario della tragica perdita dei piccoli Francesco Filippo e Raniero Messina, sorpresi durante la notte da un improvviso incendio della loro abitazione.

L’evento, così funesto, ha commosso l’intera cittadinanza che si è stretta in un unico grande abbraccio alla famiglia Messina, adottando i fratellini prematuramente scomparsi con l’amorevole vezzeggiativo di “angeli”.

La tragedia di per se tale per le modalità e la tenera età delle vittime, è stata resa ulteriormente struggente dal disperato sforzo di Francesco Filippo che, prima di essere costretto alla resa, ha tentato di porre in salvo il fratellino più piccolo.

Ecco perché la sciagura è divenuta simbolo di eroismo ed amore fraterno, iscrivendosi indelebilmente nel cuore e nel ricordo dei messinesi.

Per tale ragione, immaginando di interpretare un comune e diffuso sentimento collettivo, ho preparato una proposta di delibera, già condivisa con tutti i colleghi, da sottoporre al vaglio del Consiglio Comunale per denominare il giardino antistante la Prefettura di Messina, attualmente privo di toponimo, “il giardino degli Angeli – in memoria di Francesco Filippo e Raniero -.
E’ un luogo che rappresenta simbolicamente la Città di Messina, posizionato sotto la statua di Nettuno dinanzi alla stele della Madonna della Lettera, protettrice della città, laddove l’eternità del mare si mischia alla luce del sole.

Sono certo che, dopo il voto dell’aula, l’Amministrazione inoltrerà la richiesta alla Prefettura a cui spetta il nulla osta definitivo affinché, il ricordo di quel tragico evento, della memoria dell’eroismo e della nobiltà del gesto di questi due figli della Città possa perpetuare nel tempo, come esempio di virtù e di coraggio per tutte le generazioni dei messinesi, anche in segno di vicinanza e solidarietà sincera alla famiglia perché l’amore di una comunità possa almeno lenire il loro dolore, e lo strazio lasci spazio al conforto di un ricordo amorevole, collettivo e perenne.

———————–

Proposta di deliberazione:
“Denominazione del giardino antistante la Prefettura di Messina, privo di toponimo, in “Giardino degli angeli – in memoria di Francesco Filippo e Raniero”

IL CONSIGLIO COMUNALE DI MESSINA

Premesso
Che in data 15 giugno 2018 a causa di una tragica fatalità accaduta presso la propria abitazione sono venuti a mancare i piccoli Francesco Filippo e Raniero Messina che, sorpresi durante la notte da un improvviso incendio, a seguito di alcuni tentativi di sfuggire alle fiamme, soccombevano tragicamente.

Considerato
Che dalle ricostruzioni dell’evento tragico effettuate dai testimoni e dagli accertamenti emergeva come, durante la tragica fatalità, il fratello maggiore Francesco Filippo nel disperato sforzo di recuperare il fratello minore Raniero, ne effettuava diversi tentativi di salvataggio, poiché il piccolo risultava in un luogo della casa ormai avvolto dalle fiamme.

Che a seguito dei vari tentativi di salvataggio del più piccolo, il fratello maggiore Francesco Filippo, senza esitare minimamente e mettendo fino allo stremo in pericolo la propria vita, si addentrava nelle fiamme per cercare di recuperarlo e di metterlo in salvo, fino a morirne tragicamente, assieme al fratello minore.

Che il tragico evento della morte dei due fratelli colpiva con grande commozione la comunità messinese non soltanto per le tristi dinamiche con cui si svolsero i fatti ma anche per il grande gesto di eroismo che vide coinvolto il fratello maggiore nei confronti del minore.

Che i messinesi tutti, profondamente colpiti e addolorati dalla tragedia, si sono stretti in un unico grande abbraccio alla famiglia Messina, adottando i fratellini scomparsi con l’amorevole vezzeggiativo di “angeli”.

Che corrisponde alla diffusa volontà della cittadinanza voler ricordare in modo indelebile i due fratellini, tragico simbolo dell’amore fraterno.

Che il giardino antistante la Prefettura di Messina, attualmente privo di toponimo, rappresenta simbolicamente la Città di Messina, posizionato sotto la statua di Nettuno dinanzi alla stele della Madonna della Lettera, protettrice della città, laddove l’eternità del mare si mischia alla luce del sole.

Dato atto
Del ricordo di quel tragico evento, della memoria dell’eroismo e della nobiltà del gesto dei due giovani messinesi tragicamente periti in quell’incendio che conferisce all’intera comunità messinese un motivo di orgoglio da perpetuare nel ricordo di tutti e indicandolo come esempio di virtù e di coraggio per tutte le generazioni dei messinesi.

Ricordato
Che sono in corso da parte dell’Amministrazione degli interventi di denominazione di spazi e luoghi pubblici attualmente privi di toponimo che, giusta indicazione della Prefettura UTG di Messina, necessitano in breve tempo di essere identificati.

Ritenuto
Degno di ricordo nella memoria della Città di Messina l’esempio di coraggio dimostrato dai due fratellini, nonostante la loro giovanissima età, affinché possa venire perpetuato a esempio anche per le future generazioni di messinesi.
Visti
Il D. Lgs. nr. 267/2000 (TUEL)
L’OREL della Regione Siciliana
Lo Statuto del Comune di Messina
Il Regolamento del Consiglio Comunale.

PROPONE DI DELIBERARE

– Intitolare un luogo pubblico del Comune di Messina, ed in particolare il giardino antistante la Prefettura di Messina attualmente privo di toponimo con la denominazione: “Giardino degli Angeli – in memoria di Francesco Filippo e Raniero”.

– Dare atto che la presente deliberazione non comporta alcun impegno di spesa a carico delle risorse comunali.

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento