Trump è furioso

Trump è furioso! Twitter ha appena fatto esattamente quello che gli chiediamo da anni, aggiungendo una correzione a un tweet del presidente!

Ma Trump ha reagito minacciando di “chiudere” le piattaforme social che non gli permettono di diffondere le sue bugie senza controllo, e ora l’amministratore di Twitter, Jack Dorsey, è sotto una pressione enorme.

E deve decidere. Riuscirà a resistere o si piegherà?

Mandiamo a Jack Dorsey un enorme messaggio di sostegno. Avaaz si è incontrata più volte con Twitter e sappiamo che ascolta l’opinione pubblica — chiediamogli di non piegarsi a Trump:

Invia un messaggio a Twitter per chiedergli di non mollare!

Sono anni che Avaaz raccomanda correzioni basate su fact-checking indipendente — e Twitter ha appena risposto a un tweet fuorviante di Trump aggiungendo una correzione. Se questa diventa la nuova politica di Twitter, allora le campagne contro la disinformazione del nostro movimento globale hanno vinto alla GRANDE!!

Ma l’estrema destra sta lanciando una campagna contro i dirigenti e gli impiegati di Twitter, e Trump ha dato un ulteriore giro di vite firmando un ordine esecutivo che potrebbe punire le piattaforme per aggiungere fact-checking a contenuti fuorvianti.

Per aiutarli a tenere duro facciamo sapere a Dorsey e al personale di Twitter che per tutti noi stanno facendo la cosa giusta, incoraggiamoli a non piegarsi e ad andare avanti:

Invia un messaggio a Twitter per chiedergli di non mollare!

Per anni, Avaaz ha fatto campagne contro la disinformazione, per evitare che bugie e troll distruggano il tessuto delle nostre democrazie. La risposta di Twitter in questa direzione è arrivata con grande ritardo, ed è fondamentale che inizi a mostrare a tutti i soggetti esposti a informazioni false verifiche di fact-checker indipendenti. Ma ora hanno dimostrato coraggio e hanno fatto la cosa giusta, quindi mostriamogli la nostra gratitudine e incoraggiamento, e spingiamoli a fare di più.

Con speranza,

Christoph, Mike, Bert, Aloys, Ricken e tutto il team di Avaaz

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento