Una poesia per Giulio Regeni

Giulio Regeni

A Giulio Regeni

I tuoi assassini come cani hanno fiutato
la tua sapiente bellezza
e ti hanno sbranato perché l’oscurità
delle loro anime sia regola e giudizio per tutti.

Ed ora che la luce della tua vita ha balenato
in mezzo a noi, ci manchi
Ed ora che i giorni della tua giovinezza
non si aprono più al futuro
ci sentiamo come padri annichiliti
e come orfani lacerati
dalla tua assenza.

Vivevi con l’innocenza dell’essere bambino
e sei voluto diventare adulto
per non lasciarci soli in questo quotidiano terrore.

E le iene del terrore hanno voluto punire
la tua intelligenza
hanno straziato il tuo corpo
perché libertà e amore
gli sono di scandalo

La morte non riesce ad ammutolirti
ancora sentiamo l’onda del tuo amore grato alla vita .

Saremo vigili perché niente di te
cada nel baratro dell’ indifferenza,
perché altre vite, altre memorie
ti siano compagne
e brillino in noi come stelle
del remoto firmamento.

Nino GUSSIO

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento