Roma. Teatro Ivelise apre il 2020 con “Gaia”, commedia scritta e interpretata da Stefania Ventura

Stefania Ventura

Al Teatro Ivelise andrà in scena “Gaia in veloce, scherzoso discorso al Mondo” l’11 (ore 21) e 12 (ore 18) gennaio con protagonista l’attrice Stefania Ventura e la regia di Luca Negroni. Lo spettacolo della durata di circa un’ora è di genere contemporaneo e si propone di sensibilizzare ai temi del clima e della difesa dell’ambiente.

La storia si svolge in una immaginaria stanza di un appartamento qualunque. Nel corso di una notte, Gaia, una buffa donna, si sveglia come al solito tra un incubo e l’altro. Da quando è stato deciso il razionamento dell’acqua a causa della crisi idrica vive da giorni un forte disagio. Avendo letto l’enciclica di Papa Francesco , che verte sui temi ambientali e soprattutto sui mutamenti climatici, si intrattiene in una improbabile corrispondenza via e – mail , a senso unico, con l’autore dell’importante scritto. In realtà , la buffa donna, tramite i suoi di scritti , nel suo disquisire sul tema dei mutamenti climatici , trova il modo di collegarne gli effetti non solo al pianeta terra, ma anche ai suoi mutamenti d’umore in un tragicomico e ritmato flusso di coscienza

Il personaggio Gaia nasce dall’interesse a lavorare sul “femminile” con una sana leggerezza ma spingendosi in profondità, a scandagliare le zone d’ombra e le componenti meno stereotipate e convenzionali dell’essere donna, nell’intento di dar vita ad una creatura sfaccettata e sorprendente, ma comunque legata al dato reale, in sarcastica antitesi con i modelli femminili di matrice pubblicitario-televisiva quotidianamente rimandatici dal gran circo massmediologico. Prende così corpo il ritratto semiserio di una donna-fumetto divorata dai sensi di colpa e smarrita nel caos contraddittorio delle dinamiche sociali, che cerca di liberarsi dalla morsa autodistruttiva in cui si è rinchiusa per sfuggire alle inevitabili amarezze generate dalla difficoltà ad inserirsi nel mondo del lavoro, dai rapporti familiari, dalle relazioni sentimentali. Il suo è un limbo in cui le domande inevase si rincorrono in momenti ora giocosi ora drammatici, ma sempre venati da un’autoironia surreale e sognante.

Il Personaggio “Anima DAIMON CK1”, spirito guida, interpretato dalla medesima attrice che interpreta il personaggio di Gaia , interviene quando il suo umano Gaia si perde nella propria coscienza; ed è stato ispirato dalla teoria Socratica: questo ‘spirito guida’, secondo il filosofo, è in realtà presente in tutti gli uomini e accompagna ciascuno nel corso della propria vita. Infatti il daimon è anche il compagno scelto nell’Ade dall’uomo prima di cominciare la sua esistenza terrena e che, dopo la morte, guida l’anima sino al luogo in cui deve essere giudicata. Dunque, esso si configura come uno spirito guida della coscienza e si identifica con le forze divine del male o del bene e arriva durante il sonno a consigliare ed illuminare.

Il linguaggio

L’intento è quello di traslare in un linguaggio scenico semplice e fruibile da ogni tipo di pubblico la particolare musicalità e fantasia della lingua e della prassi teatrale “defilippiana” dalla quale l’ autrice ed interprete deriva artisticamente; alla ricerca di una freschezza drammaturgica e di una naturalezza interpretativa capaci di creare una comunicazione diretta e immediata con gli spettatori: il testo è scritto ed interpretato in un italiano parlato vicino al quotidiano. Lo spettacolo è adatto ad ogni fascia di età e può esser preceduto con dei Laboratori per studenti e adulti.

Biografia

Stefania Ventura Direttore Artistico Golden Show srl Impresa Sociale

Proveniente da famiglia i cui componenti hanno quasi tutti svolto lavori in campo teatrale in compagnie di giro note nel settore (De Filippo, Barra, De Simone, Patroni Griffi e altri) Incomincia a lavorare nel campo in maniera saltuaria in età precoce e professionalmente appena compiuta la maggiore età.

Ha frequentato minorenne nel 1983 a Bologna la scuola di recitazione dell’A.T.E.R diretta da Alessandra Galante Garrone – Stile Lecocque – studio del clown. Dal 2018 è direttore artistico della società assieme a Gino Auriuso che non segue questo progetto.

TEATRO SOCIALE

Dal 2011 si appassiona al teatro sociale: porta in scena e recita testi da lei stessa scritti o adattati con l’associazione culturale “Le avventure di Gaia”: “Gaia Terra di mezzo“, parabola tragicomica sulla vita dei più deboli, prodotto da lei stessa e con il Patrocinio dalla Regione Lazio – biglietti a basso costo. “Cinque più uno” nel corso di un convegno a livello europeo di Psichiatria, storia di pedofilia, con il sostegno di “Zetema” a ingresso gratuito. “Sogno di una notte a impatto zero“ sul riciclo dei rifiuti, dopo tre mesi di laboratorio gratuito con i ragazzi del liceo scientifico Papareschi di Roma (periferia), recitando con gli stessi ragazzi. Ingresso gratuito; sponsor di quest’ultimo: “Comieco“, azienda riciclo carta e imballaggio; patrocinata dal municipio di zona. Ingresso gratuito. Conduce un laboratorio teatrale gratuito nel corso di tre mesi per adolescenti nell’ambito dell’“Estate Romana 2016“ presso il “Parco del Tevere” con il sostegno del comune di Roma. Nel 2017 cura la direzione artistica con Gino Auriuso (Compagnia Artenova) del Progetto per i piccoli comuni: “I viaggi dell’ arte“ sostenuto dal Mibact, portando in scena e recitando “Gaia in veloce scherzoso discorso al mondo” da lei stessa scritto; performance tragicomica sui Mutamenti climatici e sulla crisi idrica. Ingresso gratuito. Nell’ambito dello stesso progetto, negli stessi piccoli comuni, la mattina ha condotto laboratori teatrali creativi gratuiti su testo da lei adattato per i bambini delle scuole elementari da “Gaia in veloce scherzoso discorso al mondo”. I bambini dopo avere ascoltato, letto

e discusso “la favola di Gaia“ circa i temi: “mutamenti climatici“ e “crisi idrica”, recitavano, diretti dalla stessa Stefania Ventura, lo spettacolino di 5 minuti: “Il sole e i fiori”, con lo stesso metodo professionale (semplificato) di prove per la messa in scena in uso dagli attori di teatro professionisti adulti.

TEATRO IN GENERALE

Dopo avere lavorato per varie produzioni Teatrali: “Garinei e Giovannini” al Teatro Sistina per la regia di Pietro Garinei (due stagioni teatrali con J. Dorelli e trasmissione tv con Gino Bramieri) e varie compagnie di giro, tra le altre, con Aldo Giuffré, Adriana Asti, Ida di Benedetto, Antonio Salines, Paolo Ferrari, lavora per tre stagioni teatrali consecutive con Luca De Filippo, tre consecutive con Peppe Barra e nel 1996 inizia una collaborazione artistica e costante con la compagnia di Luigi De Filippo. Con Luigi De Filippo interpreta in 22 anni tanti personaggi diversi tra loro, quasi sempre brillanti.

NEL DETTAGLIO TEATRO CINEMA E TV DAL 2018 ANDANDO INDIETRO NEL TEMPO

2018 personaggio Gaia in “Gaia in veloce scherzoso Discorso al mondo“

Concetta Cupiello in “Natale in casa Cupiello“ di E. De Filippo . Con Luigi De Filippo e per la sua regia.

2017 Per “Estate romana” nell’ambito di “Opera nova festival“ e per “I viaggi dell’ arte“ (progetto con sostegno Mibact di cui è stata direttore artistico con Gino Auriuso) per i piccoli comuni – monologo tragicomico “Gaia in veloce scherzoso discorso al mondo” di Stefania Ventura “Natale in casa Cupiello” di Eduardo De Filippo con Luigi De Filippo e per la sua regia nel ruolo di Concetta Cupiello

2016 “il Berretto a sonagli” da L. Pirandello nella versione di Eduardo De Filippo con Luigi De Filippo e per la sua regia

2011 – 2016 in tutti gli spettacoli della compagnia di Luigi De Filippo come comprimaria. Tra tanti : la “La Fortuna con la effe maiuscola” Di Eduardo De Filippo e

Armando Curcio, gli atti unici di Peppino De Filippo e testi di Eduardo Scarpetta.

1985 – 2011 “Il mago di Oz” – Musical-Con comp. Parsifal al teatro Olimpico a Roma recita e canta per la regia di Claudio Insegno. Fata cattiva.

Coprotagonista brevi letture da Shakespeare reg. Ugo De Vita

“Un uomo a pezzi” di Cetty Sommella. Regia di Cetty Sommella. Con Nando Paone, Antonella Cioli e Cetty Sommella.

“La fortuna di nascere a Napoli” di Luigi de Filippo, con comp. Luigi de Filippo

“Un suocero in casa” (ma c’è papà)”di Peppino e Titina De Filippo con comp. Luigi de Filippo

“L’amico di papà” di E. Scarpetta, con comp. Luigi d Filippo

“Un ragazzo di campagna”di Peppino De Filippo, con comp. Luigi de Filippo

“Storia di un re buffone e di un buffone re” di Luigi de Filippo. Con comp. Luigi de Filippo

“Ogni anno punto e a capo” di Eduardo de Filippo, con comp. di Luca de Filippo, con Luca De Filippo, Vincenzo Salemme, reg. di Armando Pugliese. Ruolo Brill.

“Non ti pago” di Eduardo de Filippo, con comp. Di Luca de Filippo, ruolo: figlia, con Luca DeFilippo, Vincenzo Salemme, Isa Danieli, reg. Luca de Filippo.

“La zia di Carlo” con comp. Peppe Barra di B. Thomas, reg.: di Filippo Crivelli. Ruolo brill.

“La cantata dei pastori”, con comp. Peppe Barra reg. di Peppe Barra. Con Eugenio Bennato . Pietra Montecorvino, Patrizio Trampetti. Ruolo di Maria

“Il berretto a sonagli” di L. Pirandello. Reg. Walter Manfrè

“Francesca da Rimini” di anonimo con comp. Peppe Barra Reg. Lamberto Lambertini Ruolo grottesco, il padre di Francesca “Flik e Flok”da Petito con comp. Peppe Barra, con Concetta e Peppe Barra ruolo grottesco. Colombina gelosa

“Mandragola” di N. Machiavelli, regia di Ninì Ferrara, ruolo della madre.

“La tragicommedia di Don Cristobal e la Siora Rosita” di F. G. Lorca, reg di Vittorio de Bisogno. Ruolo protagonista (Festival Teatro di Casera vecchia)

“Pseudolo” di Plauto, con Paolo Ferrari, reg. di Livio Galassi. Ruolo: giovane omosessuale

“La lupa” di G.Verga” con Ida Di Benedetto reg. Marco Gagliardo ruolo dramm

“Le conferenze possibili” da Ionesco, Tardieux, Yorick reg. Lucio Allocca. Protagonista

“Tre uomini per Amalia” di Cesare Musatti, con Adriana Asti, reg Giuseppe Ferrara.

“Cyrano De Bergerac” di E. Rostand, con Antonio Salines, reg. Nucci La Dogana. In Tre ruoli diversi

“Largo desolato” di Vaclav Havel, con Stefano Santospago, reg. Vittorio Lucariello.

“Se devi dire una bugia dilla grossa” di R.Cooney, con Jonny Dorelli, Paola Quattrini reg.:Pietro Garinei

“Fine del gioco”di Aldo Giuffrè”, con Aldo Giuffrè, reg. di Aldo Giuffrè.

“Pulcinellata” con la compagnia di Roberto de Simone: recita e canta canovacci di commedia dell’arte. Reg. Mico Galdieri. Ruolo: Colombina

CINEMA “Posti in piedi in paradiso” Regia Carlo Verdone

“Le affettuose lontananze .Regia di Sergio Rossi. Con Angela Finocchiaro

Lina Sastri e Fiorenza Marchegiani (produzione Rai per cinema)

“Giuro che ti amo” di Nino D’angelo,

TELEVISIONE

Programma tv fiction “Psyco” reg di Davide Mazzoli. Con Remo Girone (Rete 4)

“La fortuna di nascere a Napoli” (Serie palcoscenico Rai) con Luigi De Filippo

”L’amico di Papà” di Scarpetta (Serie palcoscenico Rai) con Luigi De Filippo

“Varie brevi Fiction per programma tv “Mi manda Lubrano” (Rai Tre)

“varietàtv“ G.B.SHOW5”. Reg. teatrale Pietro Garinei reg. tv Romolo Siena (Rai Uno). Con Gino Bramieri.

Programma tv“ Non necessariamente Mr. Fantasy” di e con Carlo Massarini”(Rai Uno)

Altro: nel 2003 ha messo in scena il testo: “Gaia Terra di Mezzo“ di Stefania Ventura per la sua regia con gli allievi di Cinecittà Campus diretto da Maurizio Costanzo. Nel 2004 Dirige Cristina Arnone in “Gaia Terra di Mezzo” per il Teatro dell’ orologio a Roma.

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento