FILIPPINE, RISOLUZIONE DEL CONSIGLIO ONU DEI DIRITTI UMANI SULLA “GUERRA ALLA DROGA”

Nino Aimone (Torino, 1932) “Macrodontia Cervinus” 1963 – matita e pastelli su carta, cm 35 x 50

L’11 luglio il Consiglio Onu dei diritti umani ha approvato una risoluzione, presentata dall’Islanda, che chiede all’Ufficio dell’Alta commissaria per i diritti umani di preparare un dettagliato rapporto sulla situazione dei diritti umani nelle Filippine, comprese le migliaia di omicidi illegali commessi nel contesto della “guerra alla droga”, da esaminare e discutere nella successiva sessione del Consiglio.

La risoluzione è stata approvata con 18 voti a favore, 14 contrari e 15 astensioni.

“Di fronte alla reiterata indisponibilità delle autorità filippine ad accertare le responsabilità per le violazioni dei diritti umani, la risoluzione del Consiglio Onu è un segnale di speranza per le migliaia di famiglie rovinate dalle politiche del governo e per le coraggiose persone che vi si oppongono”, ha dichiarato Nicholas Bequelin, direttore per l’Asia orientale e sudorientale di Amnesty International.

Alla vigilia del voto, l’8 luglio Amnesty International aveva pubblicato un rapporto sulla “guerra alla droga”:
https://www.amnesty.it/filippine-la-guerra-alla-droga-di-duterte-ha-fatto-almeno-6600-morti/

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento