LA CAMERA È IN OMBRA

Copertina “La Camera è in Ombra” di Giovanna La Maestra

[…] Nello scrivere, una dopo l’altra, le pagine che seguono ho sentito la necessità del frammento. È l’unico modo che ho trovato per somigliare alle persone a cui ho dedicato parte della mia vita e per segnare la mia distanza da chi impunemente, ogni giorno, usa le parole, le consuma, le piega alla non comunicazione.
Il bisogno di definire gli ambiti e di cercare la verità e la sicurezza nelle definizioni dunque non mi appartiene, anzi mi pare che proprio le griglie nelle quali imprigioniamo la realtà credendo di costruire saperi oggettivi ci impediscano di passare attraverso la conoscenza e soprattutto creino barriere alle relazioni.
Forte invece, e in parte polemico, è stato il bisogno di usare registri diversi per dire in più modi le stesse cose: il diario di esperienze vissute accanto alla riflessione e la riflessione accanto alla fiaba. Un tentativo di creare un ponte, un passaggio, fra il pensare adulto e quello infantile. […] (dall’Introduzione)

Giovanna La Maestra ha insegnato, prima in Toscana e poi in Calabria, con amore e passione, materie letterarie negli Istituti di Istruzione secondaria di secondo grado. Ha fatto parte della redazione della rivista “Cooperazione Educativa” e si è occupata di Educazione Corporea, Teatro a Scuola, Sviluppo e Sottosviluppo in Italia e Didattica della Storia, con particolare attenzione alla Questione Meridionale, alla Tradizione orale e alle Storie di vita nei Gruppi Nazionali di ricerca del Movimento di Cooperazione Educativa. Socia fondatrice de La Ragnatela onlus e de Il Cantiere dell’InCanto, ha condotto laboratori per disabili utilizzando le tecniche di vita della pedagogia Freinet, il canto libero e l’espressione grafico-pittorica. Ha organizzato seminari, incontri e performance volti alla valorizzazione delle diversità e, con artisti, musicisti ed educatori, Il bosco in Concerto, appuntamento annuale sui Peloritani e percorso di ascolto delle forme i colori e i suoni del bosco. Ha partecipato alla gestione del Laboratorio di Educazione Ambientale del Comune di Messina.
Ha fondato, insieme al musicista Angelo Tripodo, il Laboratorio Suono & Ritmo, nel quale musicisti abili e disabili insieme fanno esperienza di improvvisazione creativa. Se ne prende cura ancora oggi insieme alla psicopedagogista Francesca Billé e al pianista e compositore Luciano Troja, in collaborazione con i musicisti Paolo Fresu e Alessandra Giura Longo.
È autrice del Cantu di Notti, libro e spettacolo teatrale nati nell’ambito del Progetto Nazionale Scuole Verdi del M.C.E.

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento