Pubblicato Il fabbricante di spettri, dell’autore messinese Mauro Longo

Mauro Longo

La battaglia dei tre imperi tra Veneziani, Spagnoli e Turchi sta per scoppiare. Cipro è caduta, le armate del sultano sono arrivate fino a Vienna e i corsari imperversano per il Mediterraneo. In questo immenso campo di battaglia si muove Bartimeo Beretta, inventore, armaiolo e scaramante, l’unico in grado di fermare la misteriosa cospirazione che serpeggia per l’Europa. La sua missione è infatti quella di gettar luce e fermare, con la scienza e la ragione, un intrigo che rischia di trascinare in guerra perfino le anime dei trapassati. Un umanista che ha una concezione del tutto personale degli scontri tra il bene e il male, e non ha paura di attraversare ogni tipo di confine.

È uscito a fine maggio il nuovo romanzo dello scrittore e game designer messinese Mauro Longo, autore professionista da anni residente all’estero. Si tratta di un fantasy storico ambientato tra gli intrighi e i complotti che portarono alla Battaglia di Lepanto. Il fabbricante di spettri è infatti per metà romanzo storico e per metà una vicenda incentrata sul paranormale, un connubio tipico delle altre opere dell’autore, che nell’ultimo decennio ha firmato tre romanzi, decine di librigioco e avventure per giochi di ruolo, un grande numero di racconti antologizzati in varie raccolte, nonché innumerevoli saggi, articoli e recensioni su diverse testate online piccole e grandi, compreso Il Fatto Quotidiano.

Il fabbricante di spettri si concentra sulle ultime fasi della guerra che si concluse con la celebre Battaglia di Lepanto, in cui il porto di Messina ebbe un ruolo strategico fondamentale. Grazie ai trascorsi dell’autore come giornalista, archeologo ed esperto di storia e beni culturali, il romanzo è scrupolosissimo nel trattare gli eventi, i luoghi e soprattutto i personaggi realmente esistiti che vi appaiono: dall’inflessibile Papa Pio V all’intrigante Esperanza Malchi, spia delle sultane di Istanbul, dall’inquietante Elisabetta Bathory a Uccialì Pascià, il contadino calabrese diventato ammiraglio dell’armata turca.

Anche la figura tenebrosa del Fabbricante di Spettri, antagonista sempre in ombra e dotato di poteri soprannaturali, è ispirato a un personaggio storico realmente esistito. Tra le curiosità del romanzo vi è quella dell’affascinante e picaresco protagonista, Bartimeo Beretta, che ama risolvere tutto “a chiacchiere” e risulta fortemente ispirato, a detta dell’autore, dal prototipo del “buddaci” messinese. Tra le altre cose, l’inventore e acchiappafantasmi ante litteram Beretta racconta ad esempio di esser stato lui a inventare la granita alla messinese… dobbiamo crederci?

Il romanzo è stato mostrato in anteprima ufficiale a Etna Comics 2019 e avrà un’altra presentazione al festival letterario Inchiostro di Crema, il 23 giugno. Siamo in trattative per portare degli incontri dedicati al romanzo anche a Messina, magari in relazione alle tante iniziative legate alla rievocazione della Battaglia di Lepanto che ogni anno vi si svolgono.

Il fabbricante di spettri è pubblicato da Edizioni Dana, la linea di narrativa della RW Edizioni che porta in Italia i fumetti della DC Comics, come Batman, Superman e Wonder Woman. Da fine maggio è disponibile in tutte le librerie italiane e sui portali di vendita internazionali.

Mauro Longo ha scritto e curato romanzi, racconti, antologie, librogame, saggi e giochi di ruolo. Il ciclo del Mondo Macabro, la sua creazione più famosa, comprende i due suoi precedenti romanzi e decine di uscite tra giochi di ruolo e librigioco. Già archeologo, giornalista, direttore di musei e scavi archeologici, ha lavorato nel settore dei Social Media con Amazon.it e con diverse ditte italiane e svizzere, per poi finire a dedicarsi a tempo pieno all’editoria.

A parte i suoi numerosi impegni come autore, è attualmente senior content creator e social media manager per la romana Quality Games, e curatore editoriale per la milanese Acheron Books. I suoi lavori sono tradotti in inglese, russo e spagnolo.

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento