Il 2 giugno 2018 l’omicidio di Soumaila Sacko: le iniziative USB di ieri per ricordare il delegato sindacale assassinato

Logo USB

L’Unione Sindacale di Base domenica 2 giugno ha ricordato, a un anno dall’omicidio, Soumaila Sacko, il bracciante e militante USB assassinato da Antonio Pontoriero con un colpo di fucile alla testa nell’area dell’ex fornace Tranquilla di San Calogero (VV).

Alle 16,30, nel municipio di San Ferdinando (RC), si è tenuta una conferenza stampa durante la quale sono stati ripercorsi gli avvenimenti degli ultimi 12 mesi e l’avvocato Arturo Salerni ha fatto il punto sul processo in corso davanti alla Corte di Assise di Catanzaro, la cui prossima udienza si terrà il 13 giugno.

A San Ferdinando, il comune nel quale si trovava la baraccopoli in cui Soumaila viveva, la Federazione USB della Calabria ha presentato lo Sportello per i diritti di braccianti e migranti, intitolato al militante maliano assassinato.

Al termine ci si è spostati sul luogo dell’omicidio per deporre un mazzo di fiori e riaffermare l’impegno di tutta USB e di tutti i lavoratori agricoli per avere verità e giustizia per una morte inaccettabile.

Social

Articoli recenti

Commenta

Invia commento